Annunci

Archive

Archive for settembre 2015

La Rubrica di Jonathan Livingstone – Una cosa buona non ci piace quando non ne siamo all’altezza

30 settembre 2015 Commenti disabilitati

Un famoso filosofo del secolo scorso diceva che: Una cosa buona non ci piace quando non ne siamo all’altezza.

Ogni altro commento alla lamentele sull’iniziativa del judo day in piazza del campo mi paiono superflue.

Sono stato in piazza domenica scorsa e ho visto con i miei occhi la gioia del bambini e dei ragazzi che provavano l’antica arte marziale sui tatami e la partecipazione nutrita del pubblico, NON SOLO SENESE, e la felicità di quei genitori per i propri bambini che si divertivano.

Mezz’ora dopo il termine dell’evento la zona prima occupata dal gazebo del Cus e dai tatami brillava per l’ordine e la pulizia.

Chi frequenta il dojo sa quanto importanti siano l’ordine e la pulizia, oltre naturalmente ad altri valori che si apprendono in palestra.

Per quanto mi risulti il judo è una delle poche, se non l’unica disciplina sportiva, dove al termine dell’incontro si DEVE stringere la mano all’avversario che si sia vinto o che si sia perso (comportamento questo che forse sarebbe utile anche in altri ambiti oltre che sportivi).

Tu hai già accennato al sudore e alla fatica che gli atleti versano sul tatami durante gli allenamenti settimanali, io invito tutti i lettori del blog a visitare il sito o la pagina Facebook del Cus Siena Judo per conoscere in modo più approfondito questa realtà.

Rammento a qualcuno che forse se lo è dimenticato che il Cus Siena judo non è una palestra qualsiasi, ma l’emanazione dell’Università cittadina che ottiene spesso una buona classifica fra le migliori d’Italia da parte di istituti specializzati; domandina: non è che questi risultati siano ottenuto anche perché c’è il Cus Siena (diverse discipline sportive incluso il judo?) che ha una valenza nazionale?

Concludo ricordando un proverbio dei nativi americani: prima di parlare di qualcuno devi camminare per un mese nei suoi mocassini; mi sa che qualcuno manco sa cosa siano i mocassini.

the best is yet to come

jl

1df6b-gabbiano2b1

Annunci
Categorie:libero contributo

La Rubrica della MORALIZZATRICE – Mandiamo i Carabinieri e la Polizia Postale da IL SANTO!!!

29 settembre 2015 2 commenti

 

Si apre ufficialmente la RUBRICA della MORALIZZATRICE, la signora in questione ce l’ha con MARA MORINI e con IL SANTO che andrà tosto a ripetizione di galateo dagli stessi insegnati della suddetta…

 

 

 

 

IMG_2924

Categorie:libero contributo

La Rubrica di Mara Morini – NOTE ILLUSTRATIVE…

29 settembre 2015 4 commenti

Premesso che le cheerleader di Don Brunetto mi garbano!!!

Se il leader a risultati è nettamente in zona retrocessione, tolto il leader, si leverebbero di torno anche le cheer?

Mara armata

Mara armata

Se sono brave possono far anche le cheerleader per un altro post rinnegazione…

Un susseguirsi di attività dedite a n leaders…

Ai miei tempi la professione di cheerleader eh… unn’esisteva! Quante nuove professioni! Poi dicono che non c’è lavoro.

La scorsa settimana l’Assessore regionale al Turismo e Commercio Stefano Ciuoffo in occasione del Convegno del Tirreno tenutosi a Livorno ha delineato i temi del nuovo disegno di legge della Regione Toscana sul turismo che dovrebbe essere adottata entro un anno.

Tra i principali: la lotta all’abusivismo delle strutture ricettive e le ipotesi di redistribuzione delle risorse provenienti dalla tassa di soggiorno alla luce della possibile introduzione dell’obbligatorietà e dell’innalzamento del valore in euro a notte.

I Comuni sono chiamati ad essere in prima linea nella lotta al proliferare di fiere e sagre non legate al territorio e all’evasione della tassa di soggiorno.

Dall’opera di controllo sui versamenti della sopracitata imposta il Nucleo di Polizia Giudiziaria del Corpo di Polizia Municipale del Comune di Siena, in collaborazione con il Servizio Tributi ha individuato che alcune strutture ricettive, pur avendo ricevuto il pagamento della tassa dalla propria clientela, hanno poi omesso di effettuare il versamento dovuto nelle casse del Comune.

Plauso all’opera del Nucleo di Polizia Giudiziaria del Corpo di Polizia Municipale del Comune di Siena e del Servizio Tributi.

Non si è poi così fannulloni come qualcuno accusa, soprattutto sui Vigili Urbani, tutto dedito poi a studiare come silurare l’attuale Comandante della Polizia Municipale e coronare al suo posto il proprio fedele cugino diplomato alla Scuola Radio Elettra.

Il totale dell’imposta non versata al Comune di Siena, negli anni compresi fra il 2012 ed il 2014, sembrerebbe essere di circa € 150.000.

Non male. Ma dove vanno a finire gli introiti ottenuti con la riscossione?

L’ultimo consuntivo comunale registrerebbe un introito di € 1.489.129.

Le risorse provenienti dall’imposta di soggiorno non sono vincolate ma è buona prassi finalizzarle alla valorizzazione turistica, alla manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali locali, nonché’ ai relativi servizi pubblici locali.

Da Note illustrative sull’utilizzo dell’imposta di soggiorno nell’anno 2014 letteralmente “le cose più significative” (parrebbero azioni e attività più che cose):

Prima strategia di Social media marketing della città: l’Official Tourism Account “Enjoy Siena”, la quale abbiamo scoperto non essere retta da una convenzione di intenti e impegni tra il Comune di Siena e l’Università ma da un automa.

Badate bene, potrebbe non trattarsi di una mina vagante, ma di un’attività a cui nessuno fa attenzione.

Mara… Copriti

Mara… Copriti

Perché dopo la stronzata dell’automatismo sbandierata dalla Selfiewoman sull’indegna pubblicazione dell’incidente di Periclea tutto tacque miei cari…sia a Palazzo che tra i Corridoi Studiorum…

Selfiewoman avrebbe potuto gridare al sabotaggio, Ella, demiurgo del mondo delle idee bislacche di questa amministrazione comunale, ma non ha fatto una piega, si è rifilata quatta quatta, gatta qual è!

Apertura dell’ufficio informazione alla stazione.

Ma per quanti mesi del 2014? Considerato che il 1 di ottobre 2014 la sottoscritta pone la questione: C’era una volta un ufficio informazioni alla stazione…

Credo sia stato riaperto nel 2015 ma al Santa Maria della Scala prima (luogo dall’utilità discutibile, dal momento in cui il turista che vi arriva è già stato costretto ad arrangiarsi per trovare le informazioni che gli servivano) con ampliamento degli orari e compresi i festivi, ma correggetemi se sbaglio e chiedo venia in anticipo.

L’apertura degli uffici di informazione turistica richiede una spesa davvero irrisoria rispetto all’importanza che rivestono per la buona riuscita dell’accoglienza turistica, considerati i costi degli spazi e del personale, quasi a zero visto che generalmente il primo sorriso che il turista incontra è quello di un giovane o di una giovane stagista proveniente dall’università.

Nel documento Note illustrative sull’utilizzo dell’imposta di soggiorno nell’anno 2014 c’è un po’ di confusione tra quanto fatto nell’anno 2014, a cui la relazione si riferisce, e la programmazione per il 2015.

Si intrecciano eventi 2014 con la presenza di iniziative che paiono essersi svolte successivamente nel 2015.

Per una maggiore trasparenza e miglior lettura del cittadino sarebbe stato necessario indicare in maniera più chiara quali attività hanno trovato poi realizzazione nel 2015 i cui impegni derivino dall’anno 2014.

Bando triennale per il primo portale di destinazione, di cui non abbiamo visto ancora molto, anzi nulla e che il 2015, anno in cui Siena è consacrata tra le Capitali italiane della cultura, si sta chiudendo.

 

Il Comune si è occupato per la prima volta dell’Ufficio informazione regionale.

Dice bene la nota “con il cambiamento di competenze e funzioni della provincia”. Quindi per dovere non sarebbe rimasto chiuso e per un’opera pia dell’amministrazione comunale.

Così come sempre per dovere e per le medesime motivazioni sono stati attivati stretti rapporti con la Regione nel settore turismo stipulando il primo protocollo d’intesa.

Le amministrazioni precedenti avevano rapporti con la Regione alla lontana?

 

Le parole primo e prima, da intendere come primato, primati forse, piacciono, sono piuttosto presenti all’interno della nota.

Un portavoce esperto avrebbe dovuto correggere questi deliri di Selfiewoman ed evitare alla prima istituzione cittadina imbarazzanti figure da televendita.

Ma nessuno degli illustri Assessori si vergogna di “questa roba”?

Brunetto and Company finiranno sul Libro dei Guinness Word Records!

I bandi poi per la gestione degli eventi in città, per quelli in Fortezza, per la comunicazione/ufficio stampa sono stati il modo migliore per concedere commesse al settore privato, al solito settore privato, da centinaia di migliaia di euro.

Spese poco oculate visto che il Comune è dotato in pianta organica di idonei Uffici Comunicazione e Stampa, i cui costi sono preventivati a bilancio tra le prime voci di spesa: quelle per il personale dipendente, che ringrazia per il tempo libero guadagnato.

Evidentemente l’odierna amministrazione non li ha ritenuti adatti.

L’art. 7 del D.lgs 165/2001 riporta i presupposti di legittimità: quando gli enti conferenti non possano “far fronte con personale in servizio” (art. 7, comma 1); e l’amministrazione abbia “preliminarmente accertato l’impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse umane disponibili al suo interno” (art. 7, comma 1, lett. b).

Sono certa che sia stato così: meccanismi di valutazione oggettivi di curriculum ed esperienza, le solite frasi all’interno degli schemi di determinazione non bastano più, non si può essere così poco accorti da non farlo quando si è sotto gli occhi della cara Corte dei Conti.

d9d35-jennifer2blopez2blato2bbTutto questo proliferare di pagine web, di azioni comunicative e di pubblicità di ogni genere, questa mercificazione della ns cultura e della ns città ma davvero sono così fondamentali come politiche per lo sviluppo del turismo?

Oppure Siena, che vive soprattutto di luce propria per la sua indiscutibile e cantata bellezza, avrebbe bisogno di una comunicazione più oculata e meno ridondante, e di maggiori azioni tramite politiche di sostegno degli operatori economici e commerciali?

Era davvero necessario affidare anche il ns patrimonio ai poteri forti dei magnati dei musei?

Sedere in certi salotti è un investimento per il futuro, non dei cittadini, ma per le poltrone. Che volpi…

 

Ristampa del materiale turistico rinnovato e ampliato: attività necessaria per adeguamento dei tempi.

Il Trekking Urbano: l’iniziativa nata a Siena 10 anni fa come un’occasione turistica in alcuni periodi dell’anno in concomitanza con altre città e territori che di anno in anno si aggiungevano al catalogo in un evento nazionale è divenuta quasi stucchevole, a Siena l’unica cosa che si fa è trekking urbano tutto l’anno.

Ciò ha dequalificato l’evento, lo ha svuotato della sua natura e in futuro ne saggeremo le conseguenze, con iniziative che prendono i nomi più diversi ma che propongono ai turisti la medesima attività, guarnita con un piatto tipico e con in regalo la famosissima bisaccia del Pellegrino.

Il Mercato nel Campo: iniziativa di grandissimo successo per la quale i commercianti che richiedono di avere un posticino in Piazza sborsano un bel gruzzoletto.

InContrada: con la quale il Comune di Siena bypassa l’autonomia delle Contrade, e offre 11,00 € ad ingresso nei musei delle consorelle alla Civit Group come ringraziamento per l’organizzazione, devolve a elemosina 3,00 € alle Contrade e ne riceve per sé 5,00 €.

Febbraio al Museo (anno 2015): gli afflussi sono stati così alti, vista la gratuità, che stanno a dimostrare che piuttosto che produrre un video di mezz’ora a € 13,00, a visione per persona, sulla Maestà di Duccio proiettato sul fronte del Duomo Nuovo, il turista vorrebbe vedersi ridurre le tariffe per visitarlo magari con un biglietto cumulativo per tutti i musei di Siena.

Auguriamoci che il venturo Direttore del Santa Maria alla Scala e dei musei cittadini ci pensi.

A tale proposito, a che punto è la selezione? Quante domande di luminari sono arrivate?

In ultimo per politiche a diretto beneficio delle strutture ricettive l’imposta di soggiorno viene utilizzata per la riduzione delle tariffe degli autobus turistici che pernottano a Siena in alta stagione e per la cancellazione in bassa stagione.

Ma che beneficio è? Quale è l’utilità di rinunciare all’introito del pedaggio per l’ingresso della città ai soli bus che pernottano? Possiamo definirla una strategia di incentivo e sostegno del settore ricettivo?

Dunque questo tesoretto a chi è stato assegnato? Ed è stato assegnato in modo veramente efficace?

A Siena possiamo stare tranquilli, i tesoretti non finiscono mica agli amici e agli amici degli amici!

 

Mara Morini

Categorie:libero contributo

Editoriale de IL SANTO – Il ROSSO e i ragazzi del CUS SIENA JUDO…

28 settembre 2015 3 commenti

simomedagliaLunedì, oggi è una bella giornata. Sono tornato da Trento dove la squadra di Judo dell’OK AREZZO ha realizzato il terzo posto al Campionato Italiano a squadre a Cadetti (UNDER 16). Tra le fila del OK AREZZO c’era mio figlio Simone, che è ha combattuto per la società aretina come prestito. Essendo la squadra composta da 5 elementi gli aretini hanno scelto Simone a 55 kg. Hanno scelto un senese, che durante dieci anni di Judo gli ha fatto girare le scatole nelle varie competizioni nazionali e internazionali con il sudore si è conquistato il loro rispetto. Non scrivo volentieri di queste cose, perché sono cose personali, che non amo divulgare ai quattro venti. Ma oggi sono orgoglioso di mio figlio e del CUS SIENA JUDO (che lo ha cresciuto come atleta) ma anche arrabbiato con quei politici che ad ogni occasione e con qualsiasi pretesto attaccano l’amministrazione. Mettendo di mezzo anche i ragazzi del CUS SIENA JUDO che lavorano e sudano per conquistarsi uno spazio in Italia e in Europa. Il CUS SIENA JUDO ha una storia di 40 anni a Siena. Una storia ricca di campioni che hanno portato il nome di Siena in giro per l’Europa e nel Mondo, una palestra conosciuta fino al Giappone. Bisognerebbe che questi politici che su FACEBOOK scrivono e sentenziano, prima di tutto conoscessero la storia della propria città, anche quella sportiva. Poi magari lavorassero il 5% di quello che lavorano i ragazzi in questione per conquistarsi una medaglia, faticando tutti i giorni in palestra e con gli impegni scolastici da portare avanti, come unico sponsor la famiglia portando il nome di Siena ai massimi livelli sportivi.

Come i miei lettori sanno, non sono un fan di questa amministrazione. Devo dire però che l’Assessore Tafani da uomo di sport ha capito l’importanza di queste manifestazioni, che possono avere un richiamo a livello internazionale. Queste manifestazioni sportive possono essere un veicolo eccezionale per il turismo della città. Nel week end scorso gli HOTEL di Trento avevano il tutto esaurito.

Le Piazze di tutte le città europee ospitano tornei ed eventi legati al Judo e agli altri sport di contatto, perché no PIAZZA del CAMPO? Perché è lecito dare la Piazza per una cena di Contrada e non per dare soddisfazione e visibilità a dei ragazzi senesi?

Posso anche essere d’accordo quando si parla di turisti sdraiati, che lasciano sporco e in maniera indecorosa la piazza, oppure le bici legate a Fonte Gaia con le catene. Parificare però le due cose non lo trovo corretto nei confronti di uno sport che insegna ONORE e RISPETTO, due parole che purtroppo i politici conoscono poco.

Cari lettori scusate lo sfogo, ma non posso leggere certe cose su Facebook e rimanere in silenzio…

P.S. Molti ragazzi del CUS SIENA JUDO partecipano a gare di livello internazionale…

150928-0001

Rassegna Stampa – Ma quante agenzie di comunicazione pagano i cittadini senesi? Tononi: “Aggregazione inevitabile” Don Brunetto ha ripadellato!!!

24 settembre 2015 1 commento

Rassegna Stampa – Il Santo farà anche PENA ma almeno non ha depredato Siena… Nuovo Rettore all’Università per stranieri… La terra dei Cachi…

22 settembre 2015 1 commento

E’ ufficiale, il problema di Siena sono i bloggers e le persone che hanno sempre combattuto il Sistema Siena, cercando di fermare il disastro che ci ha colpito. Il Santo fa ufficialmente pena a quelle persone che sono passate dalle LISTE CIVICHE SENESI a FORZA ITALIA per approdare fino al porto sicuro di DON BRUNETTO con SIENA CAMBIA.

Ecco cosa scrive la fan di DON BRUNETTO:

“…la differenza fra Voi e me si vede dal clima che adottate e dall irriverenza che avete, l altro neppure lo considero può scrivere tutti gli articoli che vuole di Santo nn ha proprio nulla mi fa pena.”

Poi continua perché gli ho risposto:

“Il Falorni non ha certo bisogno di un Santo come te per difendersi, ma chi ti considera???? per me sei niente, e tutti ti conoscono a Siena vai…..pedala….” e ancora sciacquati la bocca falso!”

Quindi alla fine dei Salmi, io sarei: “IRRIVERENTE, UNA PERSONA DA NON CONSIDERARE e FALSA“, bene devo dire che queste parole dette da chi appunto ha la storia politica come la scrivente non fanno che inorgoglirmi.

E’ proprio vero mi sto convicendo anche io alle fine tutta la colpa di quello che è successo è colpa dei bloggers e di chi si è sempre battuto contro il groviglio armonioso. Verranno invece ricordati nei secoli gli sperpera denari e i voltagabbana… PORA SIENA

p.s. Voglio rispondere a chi mi chiede perché pubblico gli articoli di ALESSANDRO LORENZINI in arte ELIO FANALI. La prima risposta che mi viene è perché faccio come mi pare, ma è molto maleducata. Vorrei dire che io e Lorenzini siamo distanti mille miglia come idee e visioni della città, ma io vengo da uno sport che ti insegna a rispettare l’avversario (non il nemico badate bene), quindi questa è la spiegazione ho rispetto dell’avversario finchè gioca seguendo le regole, poi anche i Santi si incazzano… Saluti

QUANDO L’ASSESSORE ALLA CULTURA MONICA BARNI PARLA DEGLI SCIOPERI SELVAGGI NEI MUSEI DOVE SUA SORELLA GIOVANNA HA LA CONCESSIONE DELLA BIGLIETTERIA

Città viva (e tre ps)

Pietro Cataldi è il nuovo Rettore dell’Università per…

 In Borsa a +0,3%. Presto il successore di Bernardo Mingrone

La Fondazione Mps torna a vedere rosso (il Giornale)

Indagini Monteriggioni, Giusti (Lega) chiede trasparenza al Sindaco Valentini.

FESTA DELLA VITTORIA DELLA TORRE, CAMBIA LA VIABILITA’

RUSSIA, ARRESTATO PARA’ DI STANZA A SIENA. MA E’ UNA BUFALA

Dagli abbonati ai 2-3

Sogni e speranze

Archivio… Guarda un po’ qua COME SI CAMBIA!!!

 “Siena capitale della cultura? Ma ne ha le …

Rassegna Stampa – Ci mancavano anche le FAN di DON BRUNETTO!!! Monteriggioni la WATERLOO di uno che voleva cambiare…

21 settembre 2015 3 commenti

Scordiamoci il passato, bisogna guardare avanti, perché ormai quello che è stato è stato!!! Questo è quello che scrive una fan di Don Brunetto sulla pagina Facebook di Marco Falorni, riguardo a questo articolo (leggi). Come tutti i fedeli del nuovo che avanza, la persona in questione difende a spada tratta DON BRUNETTO e il suo operato ed anche il passato del partito a cui appartiene. La persona in questione tanto per farvi capire è passata dalle LISTE CIVICHE SENESI a FORZA ITALIA e poi ora in SIENA CAMBIA, insomma un camaleonte della politica, che ora difende quello che prima combatteva (ma lo combatteva?)

Comunque al di là delle scelte personali io non smetterò mai di tirar fuori il passato, anche recente, perché del disastro a cui abbiamo assistito è colpevole in maggior parte un partito con i suoi uomini e donne che non potevano non sapere. Lo stesso Valentini non poteva essere così cieco di non vedere quello che stava succedendo. La domanda poi è semplice anche leggendo l’ultimo articolo dell’Eretico di Siena: “Come si fa a difendere un politico così?” In un paese normale sarebbe già a casa o alla bocciofila, ma noi siamo in Italia e per giunta a Siena!

Bisogna dimenticare cancellare il passato, altrimenti non si va avanti!!! A me non mi fregate e se non mi viene l’alzheimer avrete sempre me fra le scatole a ricordavi quello che avete fatto. A proposito ma la famosa AZIONE di RESPONSABILITA’ che fine ha fatto? PORA SIENA…

HATTORI HANZO – PERCHE’ LA CONSOB E LA BCE NON APRONO UNA VERIFICA SULLE CONTINUE ESTERNAZIONI DEL SINDACO VALENTINI SULLA BANCA MPS?

Se questo è un Sindaco: Valentini e Badesse…

La rubrica dei disastri – Don Brunetto datte pace!!!

MONTERIGGIONI, DIECI FASCICOLI APERTI SU URBANISTICA

Mensa a 120 euro per non residenti. Lorenzetti: “Gli altri comuni devono capire che il Comune di Siena non può sopperire a loro carenze”

Mensa a 120 euro per non residenti. Valentini:”Abbiamo già proposto agli altri Comuni”

NOTIZIE MPS/ In Borsa a +1,2%. Bankitalia: tassi per le famiglie sopra il 10%

Lotta dura

 Pierluigi Piccini su Piazza del Campo e le deroghe

ROBUR SIENA – Prato 0-0. Le scialbarelle

Ecco un po’ di NOVELLE