Editoriale de Il Santo – Ecco perché non sono d’accordo con la giornalista Vaselli…

Scroll down to content

La nota giornalista Vaselli si scatena contro le IENE (leggi).

Nel suo articolo che potete leggere, dice che La gente di Siena è vana, ma non cretina. Strano detto da una giornalista che nel periodo MUSSARIANO scriveva per un giornale in cui non c’era un accenno di critica a quel sistema che oggi ci ha ridotto in questo stato, chissà se a quel tempo ci fossero stati giornalisti come Monteleone, magari non sarebbero nati i blogger (il male di Siena!).

La Vaselli dice: ” Che interesse avrebbe potuto avere David a ricattare i soggetti dei festini, che secondo quanto si può intuire sarebbero stati gli stessi con i quali condivideva le sue giornate? Insomma viene detto che David non c’era quindi sarebbe stato lui il ricattatore?”  Da questa frase si evince che la giornalista, presa da furore nel difendere Siena, non ha capito proprio niente di questa storia. C’entra eccome il caso ROSSI se tutto questo dovesse e ripeto dovesse essere confermato.

Infatti non solo questo ma altri processi potrebbero essere condizionati “se” e ripeto “se” i magistrati fossero stati ricattati. Che ne so mi viene in mente il processo per i fuochi fatui in curia o l’accanimento verso alcune persone che erano sospettate di essere gli scriventi di “FRATELLO ILLUMINATO” (porte sfondate, sequestri di beni, perquisizioni personali), nemmeno fossero stati dei terroristi! Comunque si parla di ipotesi.

Quindi a mio avviso il caso Rossi c’entra, non tanto per il suicidio o l’omicidio ma per il fatto che le indagini potevano essere condizionate dai fatti raccontati alle IENE, questa è la teoria di Monteleone.

La Vaselli scrive anche: “Dove l’ipotesi di reato? Siena è una città come le altre, dove ci sono classi di potere come in ogni altro luogo del mondo e proprio come nel resto del mondo il potere, si sa, viene espresso anche con eccessi e ostentazioni.” 

Anche in questa frase si vede che i giornalisti nostrani sono poco avvezzi a scrivere di queste cose, infatti vorrei sottolineare che l’istigazione alla prostituzione è reato, così come l’uso di sostanze stupefacenti (suppongo che la droga non fosse compresa nel prezzo del cenino), chi le portava ai presunti cenini? Altrimenti con questa sua teoria la Vaselli rende martire il povero Silvio Berlusconi!!! (questa l’ho rubata ad un amico)

In ultima analisi non poteva mancare la frase sul futuro: “…Siena ha bisogno di altro, ha bisogno di guardare avanti, ha bisogno di costruire e non di distruggere, ha bisogno di ritrovarsi e non di perdersi nelle chiacchiere da mercato, nei pettegolezzi che mirano solo a distogliere l’attenzione dai fatti importanti e dalle priorità che si devono avere…” Questa è la solita solfa di chi non vuol capire o far conoscere il passato, cara Vaselli non si costruisce un futuro senza sapere cosa è accaduto nel passato!!!

Non so se l’inchiesta delle IENE porteranno a qualcosa, ma almeno loro qualcosa hanno fatto, ricordo che a Siena gli unici due giornalisti che hanno scavato più a fondo sulla morte di Rossi sono il primo Daniele Magrini che con la sua famosa trasmissione a Siena TV, l’altro è Raffaele Ascheri (con teorie totalmente diverse) che andrà in onda sempre su Siena TV stasera, gli altri hanno fatto ben poco per conoscere la verità, ma per carità guardiamo avanti, a Siena va tutto bene… PORA SIENA!!!

Propongo un articolo di DAGOSPIA

“TI FACCIO FARE LA STESSA FINE CHE HO FATTO FARE A DAVID ROSSI, TI BUTTO GIÙ COME UN SACCO DI MERDA”

Annunci

2 Replies to “Editoriale de Il Santo – Ecco perché non sono d’accordo con la giornalista Vaselli…”

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: