Federico Muzzi Il Santo - Foto

Pietra Serena invita la popolazione a parlare della grave situazione senese E SCRIVE UN COMUNICATO….

RICEVO E PUBBLICO        


La nostra Associazione prende atto del blitz della Guardia di Finanza presso la Banca MPS e la Fondazione MPS, con un misto di soddisfazione e stupore.

Soddisfazione perchè finalmente le Forze competenti stanno compiendo il loro dovere di controllo e di ispezione su di un’operazione che presentava molti aspetti poco chiari, stupore perchè riteniamo questa iniziativa giudiziaria un po’ tardiva, e per questo forse meno efficace alle precise individuazioni delle responsabilità, al rilancio della Banca e alla tutela del patrimonio della Comunità, ormai irrimediabilmente compromesso.

Vogliamo ricordare che Pietraserena, anche tramite i suoi associati, fin dal 2007, ovvero a partire dalla prima notizia sull’avvio della scellerata operazione Antonveneta, è pubblicamente intervenuta in tutte le sedi ufficiali (comunicati stampa, dibattiti, assemblee MPS, etc.) per denunciare l’inopportunità e la pericolosità dell’acquisizione Antonveneta, facendo precisi riferimenti alla sua intempestività e all’assurdità delle modalità e del prezzo di acquisto, oltretutto in assenza di una “due diligence” preventiva e senza le minime clausole di salvaguardia.

Avevamo purtroppo previsto (e possediamo documenti che certificano ciò), che questa operazione avrebbe causato incalcolabili danni alla Banca MPS e ai suoi dipendenti, alla Fondazione MPS e a tutto il territorio. Siamo rimasti del tutto inascoltati, e anche dileggiati dai soliti “peones”, stucchevolmente ossequiosi del fallito “Sistema Siena”, e sempre più attenti ad interessi particolari che al bene comune. Altra cosa da ricordare è il fatto che Pietraserena, nelle varie mozioni ed interrogazioni sul MPS presentate e sostenute dal suo referente in Consiglio Comunale, tra le varie richieste, ha sempre sostenuto la necessità di chiarezza e trasparenza, anche sollecitando precise azioni di responsabilità, che a questo punto riteniamo non più rinviabili.

Alla luce di questo ennesimo “schiaffo” all’immagine, alla dignità e al patrimonio della nostra Siena torniamo nuovamente a chiedere le dimissioni del CDA della Fondazione MPS, prendendo atto del ricambio avvenuto in quello della Banca MPS; ricambio che, come già detto, pur allontanando personaggi da noi ritenuti inadeguati, non ci ha per niente entusiasmato.

Dobbiamo arrivare quanto prima a nuove elezioni amministrative per rinnovare completamente una classe dirigente obsoleta e colpevole del disastro che si aggrava giorno dopo giorno.

Vogliamo che la nostra Città sia guidata da persone del tutto nuove e dalle forze migliori che sapranno fare squadra per progettare il nostro difficile futuro rifiutando il logoro metodo dal passato recente. Per questo non si potrà prescindere dall’onestà, dal coraggio dimostrato, dalla libertà intellettuale, dal merito e dall’appartenenza alla cultura del territorio.

Basta con avventurieri e speculatori sia esterni che interni al tessuto cittadino e a coloro riferibili al passato che tentano ora di dissociarsi dalle loro “complicità” e di riproporsi alla guida di Siena.

One reply to “Pietra Serena invita la popolazione a parlare della grave situazione senese E SCRIVE UN COMUNICATO….

  1. Purtroppo io sarò fuori per lavoro, ma avrei partecipato con grande piacere, alla vigilia del gran giorno.
    I ‘monaciani’ a Palazzo Patrizi (con buon afflusso di pubblico) stasera hanno confermato che martedì 15 seguiteranno con la loro posizione se non ci saranno garanzie di copertura dalla Fondazione; il sindaco ha voluto re-inviare il bilancio passato! Non mi sembra mossa di grande apertura, ancora una volta. Intervenissi, lunedì proporrei a De Risi e a Corradi, rebus sic stantibus, di annunciare già in assemblea il voto negativo. Le disponibilità si sono date – anch’io ho fatto la mia parte di umile cittadino in un altro articolo di questo blog – ma mi sembra che le risposte non siano state all’altezza della situazione, come nel caso Report in cui l’abbinamento del sindaco alla posizione del Bisi mi sembra del tutto controproducente.
    Mi sembra coerente con un voto contro il bilancio anche la Vostra giusta richiesta di dimissioni alla Fondazione. Bisogna iniziare il dibattito sui grandi temi al più presto e, da questo punto di vista, non mi sembra prudente la polemica contro le facce vecchie: non tutte sono da buttare, spero!
    Ricorderei ancora, per giustizia ‘storica’, che le liste civiche (Libera Siena inclusa) già durante il mandato precedente chiesero infinite volte che si facesse luce sulla sciagurata acquisizione di Antonveneta.
    Consentite un’ultima osservazione. Mi dispiace che qualcuno di Pietraserena o vicino ad essa si sia irritato per dei commenti critici su questo blog. Invece di rispondere sdegnati (alla Ceccuzzi) inviterei tutti a contestazioni sì, ma ponderate, equilibrate. Questo blog è preziosissimo, visto che anche siti prima ospitali pare che ora selezionino molto le richieste di pubblicazione. Spero di sbagliarmi, naturalmente, e son pronto a fare ammenda pubblica.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star