Federico Muzzi Il Santo - Foto

La rubrica di Jonathan Livingstone – “…al peggio ed alle facce toste non c’è mai fine”

Caro Santo
mi sembra proprio di assistere a “oggi le comiche”, al peggio ed alle facce toste non c’è mai fine.

Riprendendo il discorso di ieri mi sovviene un pensiero; i responsabili della situazione attuale della città e delle sue istituzioni sono ben individuati e allora perchè una “rivoluzione silenziosa” o giù di lì non parte dal basso? Se le contrade sono la base della comunità senese perchè non espellere coloro che hanno causato tanto danno alla città, invece di arruolarli e mostrarli come trofei nelle feste di contrada? In caso contrario …beh ..ognuno può riflettere in cuor suo, come disse il poeta vuolsì così colà ecc ecc.

The best is yet to come

jl

1df6b-gabbiano2b1

4 replies to “La rubrica di Jonathan Livingstone – “…al peggio ed alle facce toste non c’è mai fine”

  1. Caro,
    le contrade è bene che rispettino il silenzio per evitare altre risse e altre sputtanature sui giornali nazionali. Si poteva fare secca replica a quel Rizzo, ma punto.
    Peraltro le contrade hanno preso quattrini dal MPS e anche ora hanno avuto impegni precisi da Profumo che ne ha fatto interlocutrici dirette.
    Non è meglio? Valentini parla troppo e a sproposito.
    Ma le regole del gioco vanno rispettate. Se sono indipendenti dalla politica come DOVREBBERO essere, invitino il sindaco e gli assessori, come è giusto per rispetto formale, e lascino fare le critiche. Ci siam già noi che non gliele nascondiamo!

  2. Caro Santo,appena posso,vedrò di commentare anche il post di cui sappiamo. Ma appena mi è apparso questo post di Jonathan, non ho potuto fare altro che sostenerlo immediatamente, perché credo che uno dei motivi principali a causa del quale Siena si trova in queste condizioni sia proprio quello di cui parla. Sono TOTALMENTE d’accordo!!!anche se credo che difficilmente i senesi siano capaci di tanto. hai ragione Jonathan, il bello deve venire…

  3. silenziosa? non lo è già stata troppo? continuiamo a essere dabbene, continuiamo!
    La Lega fa un po’ di casino, ma cosa raccoglie?
    Qui di rivoluzioni è da un bel po’ che non se ne fanno. Sentiamo il prof. Ascheri, sbaglio forse?

  4. Credo che il basso sia diventato peggio del vertice, per il semplice fatto che si è assuefatto al sopravvivere cercando di sputare a chi spera che le cose cambino.
    Cambiare significa accettare che le cose si possono fare in modo diverso!
    Fare le cose in modo diverso significa doversi sforzare di trovare delle soluzioni ed assumersi delle responsabilità !
    Assumersi delle responsabilità significa sopratutto in questo momento di chiedere conto a chi “ci ha marciato”……ma chi non lo ha fatto in maniera diretta o indiretta ?
    Un Signore ben più importante disse:”chi è senza peccato scagli la prima pietra”….ma lo stesso Signore non sarebbe stato cosi COGLIONE come il popolo dei campanili (alias italiani) a farsi prendere in giro!!!!
    E’ anche vero che lui dovette usare sette piaghe per averla vinta con certe persone……..
    Insomma i contradaioli nel Palio del Coglione con il marchio MPS hanno vinto con almeno un giro di distacco verso tutti nel Paese dei Campanili (nemmeno scajola con la storia della casa ce la può fare!!!!)
    Santo perchè non fai l’ elenco completo dei partecipanti ?

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star