Federico Muzzi Il Santo - Foto

La rubrica di Jonathan Livingstone – Mi sovviene una curiosità: quali sono i criteri utilizzati dall’UE per la selezione delle città che concorrono alla designazione di capitale europea della cultura 2019?

Caro Santo

il tuo editoriale mette il dito nella piaga o meglio mette il dito nell’occhio mostrando una situazione che a molte persone (quante?) fa piacere non vedere.

Mi sovviene una curiosità: quali sono i criteri utilizzati dall’UE per la selezione delle città che concorrono alla designazione di capitale europea della cultura 2019? Come hanno deciso di includere nel novero delle candidate una città con un bilancio che un ispettore del Ministero dell’Economia italiano evidenzia più volte nel suo rapporto di “difficile sostenibilità nel medio periodo” per quanto emerso dai suoi accertamenti?

Un dubbio sorge spontaneo: tutto questo afflato per il concorso di Siena, niente niente nasconde l’intimo auspicio che con i fondi che verosimilimente potrebbero arrivare con la designazione della città potrebbero essere utilizzati per coprire temporaneamente qualche buco, e non solo delle strade, e per continuare in “giochi, ricchi premi e cotillons”?

ps1: le dimissioni del vice presidente della F Mps inducono qualche dubbio e riflessione su quanto sta avvenendo nelle “segrete stanze” del potere senese……
ps2: sono stati cooptati nel cda della banca di città 3 nuovi consiglieri, ora, poichè i dimissionari rappresentavano ben precisi soggetti, questi ultimi che voce in capitolo hanno avuto? o si è trattato dell’ennesimo colpo di teatro del gatto e della volpe? e quest’ultima applaude fortemente ai nuovi nominati?
ps3: va bene essere accondiscenti con il gatto e la volpe, tuttavia si resta basiti che il giornale economico principe della stampa italiana e quello “famoso” di Milano evidenzino che il margine di interesse della banca di città al 30 settembre 2013 è aumentato del 4,1%, confonde le persone: la crescita del 4,1% si riferisce infatti al 3° trimestre 2013 rispetto al secondo; nei primi 9 mesi del 2013 il margine di interesse è invece diminuito di 805 milioni di euro pari ad una flessione del 33,6%. E, che come rilevato da più parti, pare che ormai quanto stia avvenendo non possa essere più adebitato alle precedente gestione……..

the best is yet to come (o no?)

jl

1df6b-gabbiano2b1

3 replies to “La rubrica di Jonathan Livingstone – Mi sovviene una curiosità: quali sono i criteri utilizzati dall’UE per la selezione delle città che concorrono alla designazione di capitale europea della cultura 2019?

  1. Chiaro, ma visto come hanno gestito finora i fondi CEC useranno i nuovi che, attenzione, impediranno ad altri di arrivare, per coltivare rapporti poco trasparenti come hanno fatto finora. Perché dovrebbero cambiare se non c’è UN SOLO consigliere comunale che abbia posto il problema?

    1. Di sicuro almeno due consiglieri di sono occupati della questione. Giuseppe Giordano ha inoltrato una richiesta di “accesso agli atti” un paio di settimane fa e da parte mia in data 23 ottobre è stata presentata una interrogazione con oggetto “rendicontazione delle spese finora sostenute per la candidatura di Siena CEC 2019” (#21 dell’ultimo consiglio non discussa per mancanza di tempo).

    2. Anche Laura Vigni ha presentato una interrogazione in proposito. In entrambe le interrogazioni viene chiesto conto dei soldi già spesi ed anche delle procedure da mettere in atto per la trasparenza della gestione dei futuri finanziamenti.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star