Annunci
Home > libero contributo > Libero Contributo – AGENDA 21: 1.120.000 euro in 6 anni. E i risultati?

Libero Contributo – AGENDA 21: 1.120.000 euro in 6 anni. E i risultati?

27 agosto 2014

Ringrazio l’ottimo Marco Falorni di impegno per Siena che dopo i miei editoriali su AGENDA 21 e le delibere riguardanti il Dott. Lorenzini, ha scatenato Cassandra che ha fatto un’opera minuziosa di ricerca. Ecco questi sono i numeri che Agenda 21 è costata ai senesi, ora speriamo che qualcuno ci dica a cosa sono serviti e quali risultati hanno prodotto. Sono ancora in attesa del Signor Frank Burrini che ancora non ha risposto alla mia richiesta (clicca e leggi) la pazienza ha un limite.

Parliamo del progetto AGENDA 21 e in particolare facciamo parlare i numeri. Prendiamo un arco di sei anni, e vediamo l’entità dei contributi erogati dalla Fondazione MPS alla Provincia e al Comune di Siena per AGENDA 21 dal 2004 al 2009.

ANNO 2004

Amm.ne Provinciale Siena:  fase attuativa del processo di AGENDA 21 100.000 euro.

ANNO 2006

Amm.ne Provinciale Siena: AGENDA 21,Terre di Siena elaborazione piani di azione locale 100.000  euro.

 

 

ANNO 2004

Amm.ne Comunale Siena: programma Siena sana, sicura e sostenibile nell’ambito di AGENDA 21 locale 100.000 euro.

ANNO 2005

Amm.ne Comunale Siena: piano di sostenibilità turistica di AGENDA 21200.000 euro.

ANNO 2006

Amm.ne Comunale Siena: attivazione fase operatività partecipata del processo di AGENDA 21 200.000 euro.

ANNO 2007

Amm.ne Comunale Siena: fase di operatività partecipata e comunicata ai cittadini del processo di AGENDA 21 200.000 euro.

ANNO 2008

Amm.ne Comunale Siena: azioni nell’ambito di AGENDA 21 100.000 euro.

Amm.ne Comunale Siena: progetto AGENDA 21 città sane OMS 70.000 euro.

ANNO 2009

Amm.ne Comunale Siena: azioni di comunicazioni per AGENDA 21 e operatività partecipata nell’ambito del forum AGENDA 21  50.000 euro.

Da questi dati si evince che AGENDA 21 ha avuto dalla Fondazione MPS 200 mila euro tramite la Provincia e 920 mila euro tramite il Comune per un totale di 1 milione e 120 mila euro dal 2004 al 2009.

Quale è stato il risultato, in termini di benefìci, prodotto in favore della comunità senese? Ad esempio cosa hanno prodotto i 200 mila euro del 2005 sulla “sostenibilità turistica”? Oppure, cosa hanno prodotto i 200 mila euro del 2007 “per la fase di operatività partecipata e comunicata ai cittadini di AGENDA 21”? E i 100 mila euro del 2008 quali “azioni” hanno prodotto?

Tutte domande che forse non avranno mai risposta, e che a Siena legittimamente si pongono solo i cittadini che ragionano con la loro testa e che non hanno portato il cervello all’ammasso. I quali però, evidentemente, per ora sono in minoranza.

Cassandra

Annunci
  1. Dantès
    27 agosto 2014 alle 12:49 pm

    grandi, grandi tu e Falorni cui segnalo che i nostri “amici” non hanno mai risposto al commento (educatissimo) della Massaia alla loro lettera a Buccianti che hai caricato pochi giorni fa! Che imbarazzo!?
    Ma io vi posso proporre un regalo (di Natale perché ci va del tempo per confezionarlo)?
    Ebbene, sia l’elenco dei contributi divenuti “pubblici” della fondazione che, se ben ricordo, ogni anno mandava una velina ai giornali tutti! Andarsi a leggere sotto l’albero di Natale gli enti beneficiari sarà per me un grande regalo e sono sicuro non solo per me.
    Al prof. Clarich chiederei l’altro regalo:
    PUBBLICARE ELENCO RICHIEDENTI CONTRIBUTI MAI CONCESSI
    SONO SICURO CHE IMPARIAMO UN SACCO DI COSE PROFESSORE (E FORSE ANCHE LEI!) e anche Sacco (il prof.) avrebbe imparato un sacco a studiarselo per non perder tempo.

    • 27 agosto 2014 alle 2:27 pm

      Da un estratto della precedente risposta:
      “Siamo pronti quindi a replicare a certi commenti (spesso inutilmente polemici) e a sostenere le nostre posizioni e le nostre idee in qualsiasi momento, purchè in incontri, pubblici o privati, o anche in dibattiti con libero contraddittorio (non su web!), aperti al confronto con chiunque intenda porci domande o chiarimenti sull’attività della nostra associazione e sempre pronti a metterci in discussione, consapevoli che nessuno professa il vangelo, tantomeno noi. Chiunque, se ne avrà voglia, potrà chiamarci a rendere conto delle nostre posizioni, purchè sia disposto non solo ad ascoltare le nostre risposte, ma abbia anche l’onestà intellettuale di non stravolgere a proprio piacimento quanto noi diciamo, diffondendo vulgate che non rispondono a verità. Anche in riferimento alle elezioni del 2013 (argomento, ci pare, ormai sorpassato), e relativo ballottaggio, siamo pronti a confrontarci su tutto, non tralasciando nessun passaggio (anche di quelli non raccontati sulla stampa), utili per capire certe dinamiche, caratteristiche del ‘teatrino della politica’”.

  2. Città ai Cittadini
    27 agosto 2014 alle 5:49 pm

    Per soddisfare la curiosità (tutta femminile!) della Sig.ra Massaia,come Città ai Cittadini possiamo dire che, nati nel novembre 2010, abbiamo collaborato spesso con Pietraserena nell’organizzazione di eventi e dibattiti sulle vicende senesi del recente passato, cercando di creare occasioni di confronto in città.
    Se volesse poi saperne di più le possiamo dire che “La Città ai Cittadini” è un’associazione, formata per lo più da giovani che crede, forse ingenuamente, che ‘bene comune’ sia una parola da togliere dall’ambito della retorica per renderla invece sempre più presente nell’azione politica delle classi dirigenti, che, a nostro avviso, dovrebbero promuovere maggiori e più concrete iniziative di democrazia partecipata. Su queste ed altre tematiche sono state trovate proficue sinergie tra Ass Pietraserena e Città ai cittadini, tra i cui membri non mancano peraltro,,come ovvio in una città come Siena, esempi di reciproca amicizia di lunga data.
    Speriamo con questo di aver risposto, per quanto ci riguarda, alle sue domande.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: