Annunci
Home > politica senese > Editoriale de IL SANTO – Achtung Kommunisten sind zurück

Editoriale de IL SANTO – Achtung Kommunisten sind zurück

10 settembre 2014

Non c’è niente da fare il DNA non si cambia.  Mi riferisco alla vicenda di una giovane democratica senese che ha osato prendere le distanze dal segretario del Pd Mugnaioli. La giovane a cui mi riferisco è Ginevra La Russa. Daniele Magrini nel suo blog ha spiegato bene la vicenda (clicca e leggi). Quello che mi meraviglia è che i sistemi nel 2014 sono gli stessi che si applicavano nel secolo scorso ai tempi dell’Unione Sovietica, per fortuna di Ginevra nessuno manderà qualche sicario se dovesse per caso andare a fare una vacanza in Messico! Mi domando come un partito che si dice moderno e democratico, può mettere alla porta una ragazza che osa pensare con la propria testa e che nessuno alzi un dito per dire che forse c’è qualcosa che non va. Anzi una voce si è alzata, quella del Vice Sindaco Fulvio Mancuso, che su Facebook e sul blog BASTARDO SENZA GLORIA scrive che: ...Se le può interessare la mia opinione riguardo alla triste vicenda dell’estromissione della giovane Ginevra La Russa (che ho sentito più di una volta in questi ultimi giorni) dall’esecutivo comunale del PD per aver espresso (oltre un mese fa) opinioni non conformi alla linea del segretario comunale, le dico senza mezzi termini che la cosa mi indigna. E, infine, il mio rapporto politico con Stefano Scaramelli è ottimo e di piena condivisione politica. Così, semplicemente, per chiarezza.”  (clicca e leggi)
Non mi stupisco della posizione sulla vicenda del Capogruppo Pd in Consiglio Comunale, perché ne conosco il modus operandi avendoci avuto a che fare in Circoscrizione. Persona a mio modo di vedere da tenere a debita distanza se vuoi avere un minimo di autonomia di pensiero. Vorrei caso mai sapere cosa ne pensa Don Brunetto che è un renziano della prima ora.  Altra vicenda che distingue il DNA del PD senese è il rapporto con il passato, nemmeno tanto remoto, un passato che si dimentica, perché così fa comodo. La vicenda dei 4 nominati nella FONDAZIONE è semplicemente ridicola. Nel poker dei 4 ce n’è uno che naviga nelle acque della Fondazione dai tempi di SUPERGIUSEPPE Mussari e molto legato al partitone unico. Puoi cambiare il nome, puoi dirti democratico, ma poi quello che conta, quello che ti distingue sono le azioni.

Annunci
Categorie:politica senese
  1. Silvia
    10 settembre 2014 alle 11:06 pm

    sì, potremmo regalarli alla Merkel…vista la connessione con la Deutsche Bank di qualcuno molto attivo a Siena?
    buono l’uso del tedesco, siamo o no in europa e dobbiamo o no fare i conti con loro…come sempre?
    ricordiamoci che a Montapetri erano con noi!

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: