Annunci
Home > libero contributo > La rubrica di Don Brunetto – Ma quanto costa ai senesi l’amore per la bicicletta? Ecco cosa abbiamo scoperto

La rubrica di Don Brunetto – Ma quanto costa ai senesi l’amore per la bicicletta? Ecco cosa abbiamo scoperto

15 settembre 2014

Che la bicicletta sia una passione del Sindaco Bruno Valentini non è un segreto. In giunta poi ci sono altri affezionati del mezzo a due ruote a allora via con le novità. Grazie all’amico Gianni sono venuto a conoscenza di due delibere dirigenziali che stanziano in totale di euro 588.200 per due progetti che riguardano le infrastrutture per i mezzi elettrici e  il servizio di BIKE SHARING ELETTRICO.

Andiamo in ordine.

Tutto nasce da una Delibera di Giunta del 7 Marzo 2012 nello specifico la numero 143. In essa si approvavano 4 progetti (TOTALE PROGETTI 908.000,00 euro) per ottenere il finanziamento regionale per la realizzazione di interventi in materia di mobilità elettrica nel Comune di Siena, il sindaco era Ceccuzzi nella delibera che potete leggere (delibera 143 2012 clicca).

Nello stesso giorno per non farsi mancare niente fu approvata anche la delibera numero 144 che approvava il Piano d’azione del Comune per il risanamento della qualità dell’aria costo totale 1.553.000,00 euro (clicca e leggi delibera 144 2012)

Cifre non proprio basse anche se in maggior parte finanziate dalla Regione Toscana, in un momento in cui i conti del Comune non erano proprio in buono stato.

Con il passare del tempo (la Giunta Ceccuzzi che cadde prima dell’estate 2012 e con l’arrivo del Commissario) il progetto si perse nei meandri della burocrazia. Nel mese di Dicembre dello scorso anno con la delibera  numero 292  la Giunta Valentini fa una variante alle precedenti delibere citate perché il patto di stabilità 2013 non permette di comprare alle amministrazioni comunali autovetture fino al 31/12/2015, quindi viene perso il finanziamento di 420.000,00 da parte della regione per il progetto car sharing. (clicca e leggi delibera 292 2013)

Negli atti dirigenziali si fa riferimento anche ad una delibera di Giunta la numero  179 del 10/04/2014, la Giunta Comunale deliberava di destinare l’importo complessivo di €. 758.578,99= al finanziamento della costituzione di una rete regionale per la mobilità elettrica e di un servizio di bike sharing elettrico nel Comune di Siena come sotto indicato:

    1. €. 100.000,00= finanziata con proventi concessioni edilizie come indicato nella delibera G.C. n. 177 del 10/04/2014;
    2. €. 294.246,30= finanziata con proventi oneri verdi anno 2012;
    3. €. 364.332,69= finanziata con proventi oneri verdi anno 2013;

 che, con l’approvazione del Bilancio di Previsione 2014 la somma di €. 758.578,99= verrà allocata nei competenti Capitoli di spesa del Bilancio 2014 finanziata con contributo regionale e che in tale sede potrà essere definita la diversa destinazione dei fondi di cui al punto precedenti.

Ad aprile vengono scritti gli atti dirigenziali num 719 (leggi Bici elettriche) e 721 ( leggi Ricariche) che destinano risorse comunali al progetto in questione. Si arriva quindi dopo le gare d’appalto all’affidamento dei lavori sempre con determina dirigenziale (leggi Auto elettriche e Bike sharing).

 Per semplificare per le infrastrutture colonnette e totem informativi saranno spesi circa 269.000,00 euro mentre per il servizio di Bike sharing circa 390.000,00 euro.  Totale 659.000,00 euro.

Non poco anche se in maggior parte finanziati dalla Regione Toscana, che comunque utilizza sempre i nostri soldi. Forse questi spiccioletti potrebbero essere utilizzati meglio, magari prima di fare questi progetti si potrebbero sistemare strade e le infrastrutture. Auspico che chi di dovere faccia un’interrogazione al Sindaco per sapere quanti soldi dei senesi andranno in questo progetto. Tanto per non passare da retrogrado voglio far presente che sono un fan delle nuove tecnologie e credo che la mobilità elettrica sia il futuro. L’atro week-end ho guardato il primo gran premio FORMULA-E con monoposto elettriche ad alte prestazioni, ma credo tuttavia che i soldi pubblici dovrebbero essere spesi per sistemare quello che non va in città…

Giù per la piaggia!!!

Giù per la piaggia!!!

Annunci
Categorie:libero contributo
  1. Silvia (quell'altra)
    16 settembre 2014 alle 12:43 am

    grande Santo, è così che si fa
    il re (con minuscola) è nudo!
    continua così, sul concreto, dato su dato, inconfutabile!
    ma non dovrebbero farlo i pentastellati?

  2. Gianni Colombini
    16 settembre 2014 alle 9:42 am

    E’ chiaro che probabilmente certi finanziamenti o c’erano per questo o c’erano per questo…. Due cose balzano all’occhio.
    Intanto la regione Toscana, come dici, potrebbe individuare problemi più grandi dove investire i soldi, tenendo conto del fatto che promuove Siena capitale della cultura, per esempio nelle vie di comunicazione, nella viabilità…
    Poi è altrettanto chiaro che Siena non è Ferrara, o Parma, che si sviluppano in pianura, e quindi vi è possibile utilizzare al meglio cicli elettrici…voglio vedere quando qualcuno si dovrà fermare in via degli orti e poi ripartire!!!
    L’altro problema è al solito la trasparenza, che spesso viene resa opaca dalla miriade di determine, di delibere e atti, tra i quali, spesso per caso, ci si imbatte in qualcosa di interessante….
    Chissà che sfruculia di qua….sfruculia di là… non si arrivi a qualcosa di sostanzioso?!?!

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: