Federico Muzzi Il Santo - Foto

L’editoriale de IL SANTO – Ora c’è bisogno di rimboccarsi le maniche!!

Cari lettori, finalmente. Il Sistema Siena è al suo collasso. Un altro muro si è sbriciolato e le fondamenta del GROVIGLIO stanno inesorabilmente implodendo. Tutto quello per cui abbiamo lottato, finalmente si sta avverando, ma ancora non è finita, dobbiamo essere consapevoli di questo: ancora non è finita. Dobbiamo ognuno con i propri mezzi continuare a combattere questo SISTEMA che ha tolto il futuro ai nostri figli, che ha escluso gente valida per avvantaggiare chi era più FURBO e più ammanicato. Ora bisogna capire che  occorre superare il SISTEMA cercando di unire le persone di buona volontà  capaci per risollevare una città che certamente attraverserà momenti difficili, i più difficili degli ultimi 50 anni!!! Sarà necessario fare tutti un passo avanti o un passo indietro, cercando gente nuova e capace. Escludendo da tutto questo i vecchi tromboni della vecchia politica. Nei partiti, nei movimenti, nelle associazioni occorre che persone nuove si facciano avanti e prendano il posto di chi ci ha portato in fondo a questo baratro. Per vecchi della politica non intendo come ho già detto altre volte in senso anagrafico, ma in senso di pensiero. Occorre una politica nuova che dia spazio alle persone e non agli interessi di un parte, occorre mettere persone competenti nei posti giusti, occorre mandare a casa chi continua a far politica di mestiere!!! SE si farà pulito come prima del Palio allora si potrà iniziare una fase nuova. Occorrerà avere il coraggio di “pensionare” i vari furbacchioni della politica che cercheranno inevitabilmente di riciclarsi, dovremo essere consapevoli che ci saranno momenti difficili perché chi ha creato il SISTEMA SIENA ha distrutto il patrimonio più importante, che poteva garantirci serenità. Mi riferisco alla FONDAZIONE e alla BANCA. Non so come andrà a finire, se CECCUZZI rimarrà come traghettatore alle elezioni con una nuova maggioranza o se arriverà un COMMISSARIO. Spero vivamente che arrivi il COMMISSARIO, perché esso sarà garante anche delle minoranze un super partes di cui abbiamo bisogno. Auspico che tutti accettino le dimissioni del SINDACO, senza che nessuno gli offra aiuto. L’era CECCUZZI deve finire quanto prima. Ripeto sarà necessaria molta pazienza da parte dei senesi, ma è necessario averla in questa fase e capire che la colpa è solamente di chi ha GOVERNATO sino ad ora. Dovremo cercare in tutti i modi di non far entrare le segreterie dei partiti nazionali in questa fase, dovremo lottare per non farci comandare dall’esterno come è successo negli anni passati (il caso della LEGA è un esempio), basta farci comandare dai politici ROMANI!!! Hanno già fatto troppi danni (vedi D’ALEMA). Senesi è l’ora di tirare fuori le palle mettersi in gioco e cacciare questi politicanti che ci hanno affossato!!!

P.S. Oggi alla radio ho sentito un noto commentatore parlare di questa situazione che si è venuta a creare. Era affranto e aveva la voce dimessa, per non dire strozzata. Caro commentatore, non ti nomino, perché sei anche un bel permaloso, lo sai che diceva il mi’ nonno? UNA VOLTA CORRE LA LEPRE, UNA VOLTA CORRE IL CACCIATORE!!!

Saluti da IL SANTO

AD IMPERITURA MEMORIA

7 replies to “L’editoriale de IL SANTO – Ora c’è bisogno di rimboccarsi le maniche!!

  1. Molto equilibrato hai detto tutto
    ora rimboccarsi le maniche
    attenzione ai Gattopardi mestatori in troppe case
    viva Siena con piena adesione a proposta Tucci!

  2. Pienamente d’accordo come sostenuto nei miei post mattutini nei social network. Prima di sperare in utopiche rivoluzioni sarà bene guardarsi nelle palle degli occhi e vedere come poter far quadrato…

  3. dove sono i tuoi post matutini Zatarra? Santo non parla di rivoluzioni…ne ha parlato semmai il sindaco…! senza farla naturalmente.
    Molto appropriato tener lontano i romani in senso lato, come Bassanini, Berlinguer, Bindi ecc. ci hanno già portato Profumo ealtri in MPS e ci hanno affibbiato l’anno scorso il buon Nannini come candidato del centro-destra senza che la lega lo volesse.
    Mi spiace molto per Corradi, poteva riprendersi oggi, ma evidentemente aveva qualche accordo?! Peccato , perché così non ha più futuro in un momento difficile, non vi pare? a meno che non entri nella magg. minoranza del PD!

  4. State tranquilli che se il signore in cui credo mi da la salute io il futuro ce l’ho……non ti deve dispiacere ma sappi che io non avevo nessun accordo. Ma e’ possibile che in questa città quando uno dice o fa qualche cosa lo fa perché deve riceve un beneficio.avevamo un obiettivo che era quello di andare alle elezioni, lo abbiamo raggiunto ma non vi bastava bisognava stravincere.Non la penso così, ma non credo di aver tradito nessuno, perché se siamo arrivati a questo punto e’ perché abbiamo insistito sulle nomine in CDA del Monte.Se facevano i soliti noti ora non saremmo qui a parlare di dimissioni ed il bilancio lo avrebbero approvato di rincorsa cosi come e’.

  5. Santo, hai detto bene, ora cominciano i problemi seri! Rimboccarsi le maniche, evitare trionfalismi, processi sommari (ma quelli storici non si posson evitare, come quelli penali in corso e da venire) e darsi tanto da fare per chiarisi le idee.
    Quali le priorità? A mio avviso, l’ho detto anche a Marzucchi quando mi ha invitato in fortezza, è fare chiarezza su quello che c’è in cassa, in Comune e in fondazione la cui privatezza – sciagura di cui dobbiamo essere ‘grati’ a Giuliano Amato, sempre troppo lodato… – è da superare al più presto, e poi rifare completamente il futuro di Siena su basi serie, affidabili.
    I due milioni e mezzo di perdite per il commissariamento – se pur sono sicure, io non mi fido…- sarebbero state presto compensate storicamente: spese stadio e assurdo Buongoverno del Flores, che nulla ha lasciato per la capitale della cultura.
    Buttateci poi gli assurdi 10 milioni per la pubblicità MPS del cielo più blu (metà erano della Fondazione e quindi del Comune?) e siamo già ben oltre, senza considerare i 250mila del sindaco (ma perché non si scrive da sé i discorsi e non toglie eurini ai servizi sociali? potremo avere un sindaco che sa scrivere?). In realtà c’è solo darisparmiare togliendosi di torno questa gente. Credetemi.

    Se poi l’Ascherino non fosse inutilmente anticlericale, non sarbebe un buon sindaco anche per le suorine che finora hanno votato il Bianchi?

  6. sì, adesso fallo votare anche dall’arciverscovo e da Acampa! a proposito, l’Opera del Duomo ha risposto all’accusa durissima di Italia Nostra? Io non ho visto niente e nel consiglio c’è anche il ceccuzziano Sandro Senni: che farà a proposito da grande? si iscriverà al PD del Ceccuzzi?
    Io ho difficoltà, lo dico sinceramente, a scegliere tra i Monaci (so’ quelli dell’acquisto agevolato del palazzone DC) e i Ceccuzzi boys. Si mettessero tutti nel cestino?
    Forza Siena! Forza Grillo, porta la scopa anche a Siena! il Pinassi ha una bella faccia pulita…noi siamo forse più tonti dei parmigiani?

  7. Applausi. Molta atmosfera da epilogo di “Farenheit 451” di Bradbury, in cui la ricostruzione avveniva solo dopo la totale (auto)implosione di un mondo finto, popolato da persone che si lasciavano guidare da politici che curavano interessi particolari.
    Come nella (stupenda) novella, la ricostruzione avviene a cura di chi si era chiamato fuori, di chi si era fatto da parte rassegnatosi ad una politica indicibile, stanco di nuotare contro corrente.
    Queste persone si sentano nuovamente chiamate in causa e in grado di poter fare la differenza. In questo credo molto possano fare le associazioni trasversali, come Pietraserena, reclutando ed incoraggiando le persone del fare, che, sapendo superare faziosità di partito o di contrada, si pongano come unico obiettivo il risollevare le sorti della città, concentrando le energie anziché disperderle.
    In primis, mai più farsi comandare da chi non parla senese!
    Ma attenzione a non abbassare la guardia: chi ci ha portato fin qui continuerà a cercare di insinuarsi, da dentro e da fuori le mura.
    Non sprechiamo questa opportunità, e speriamo che le coscienze dei cittadini si sveglino dal torpore indotto e che abbandonino almeno in parte la “vanezza” di cui si parlava.
    Forza, riprendiamoci la nostra Città! Torniamo ad essere padroni in Casa Nostra!

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star