Rassegna stampa – Occorre ripartire dal basso… Ma l’orgoglio dei senesi pare una mera chimera!!!

PIETRASERENA: “SERVE UN IMPEGNO DAL BASSO”

 

SIENA GROSSETO UNA PROVINCIA COME MASSA CARRARA?

 

Il nodo elezioni amministrative autunnali per Siena: il 28 settembre forse decidono

 

Bmps: tecniche di ‘behavioral finance’ per battere il mercato

Monte dei Paschi alla ricerca di altri azionisti

Banca Mps cede le attività di leasing

 

 

 

3 Replies to “Rassegna stampa – Occorre ripartire dal basso… Ma l’orgoglio dei senesi pare una mera chimera!!!”

  1. Questa Pietra Serena è sempre a rivendicare i propri primati ma io ci andrei un po’ calmino. A me viene subito in mente Quelli di Montaperti e l’Aurigi, ad esempio. Alle sue cene spartane a Casetta non ricordo presenti né il Semplici né il militante Angelini e forse per questo redigono articoli come questo. Là si dava il premio al peggior nemico di Siena, che toccò guarda caso anche al Piccini che non si era opposto alla privatizzazione del Monte, un Fiorenzani singolarmente battagliero, l’Ascheri che dava sempre qualche contributo storico e che aveva battagliato con Stefano Bartali, un radicale storico prima di andarsi a infognare in Alleanza Per Siena con i Boldrini, Catoni e Piccinni, chi glielo faceva fare? Ricordo anche glielo dissi in piazza del Monte, invano.
    Un attivista come Francesco Giusti, cui rimprovero solo la scelta leghista che in Toscana non sta né in cielo né in terra, non si è formato in quella scuola? L’Associazione per difesa del Monte chi la animava? E Libera Siena che posto ha in questa storia?
    Ben venga però ora l’attivismo di Pietraserena, ma mi dica perché non riesce a far qualcosa in comune con il Falorni e la Vigni. Non sarebbe il momento miei cari concittadini, che pensate? Stelo e De Mossi tacciono in attesa di essere pregati, ma della disponibilità data dal prof. Ascheri e Minnucci che pensate? Dal figlio ho paura che si cavi fuori poco, si occupa di storia, di miracoli, di scuola, avrete visto è presente in tutto lo scibile.

  2. Prima un programma, idee, proposte …..e poi i nomi.
    Si costruisce solo dal basso un edificio solido, le imposizioni dall’alto ci hanno portato a questi disastri.

  3. Caro Bancario,le rispondo per l’ultima volta, solo per il rispetto che ho dell’ottimo lavoro del Santo che non deve essere sciupato da disinformazione anonima, per poi continuare a dialogare, come già sto facendo, con chi ha il coraggio di mettere nome e faccia.
    Pietraserena non rivendica niente di particolare; i fatti e i documenti evidenziano chiaramente come Pietraserena, con i suoi esponenti, è sempre stata in prima linea nel denunciare i disastri di Siena. Questi sono i fatti e questa è la storia, ai quali non siamo disposti a rinunciare nel momento in cui tutti, anche chi condivide le responsabilità del passato vorrebbe cancellare tutto e passare per bravi; su questo siamo disposti a confronti pubblici e privati. Punto e basta!
    Dato che sembra non bene informato su certe cose, le posso dire che il sottoscritto, nonostante un età un pò più giovane di quelli che ha nominato, ha presenziato in varie occasioni sia alle cene di Quelli di Montaperti che dell’Associazione Difesa Monte Paschi, Per precisione e per corretta informazione, e di ciò può chiedere conferma ad Aurigi e ad altri. Dopo di che nel 2006 ho contribuito a fondare Libera Siena con Ascheri, Aurigi e tanti altri amici, comuni cittadini, dentro la quale ho contunuato l’azione di Pietraserena che va avanti senza interruzioni dal 2004. Pietraserena ha poi partecipato alle scorse elezioni, con un imprevisto e forte impegno a costruire la Lista Per Corradi, poi risultata la più votata tra le Liste Civiche e che ha portato un nosro rappresentante in Consiglio Comunale.
    Pietraserena ha poi contribuito a fondare l’Osservatorio Civico Senese proprio per creare una piattaforma di dialogo con tutte le forze di opposizione per verificare quale siano le varie priorità e convergenze, a condizione che si privilegassero persone nuove e senza trascorsi politici e si lavorasse per un completo rinnovamento della politica cittadina Gruppo nato proprio in collaborazione con Laura Vigni e il suo circolo, con privati cittadini, e con tutti gli altri movimenti che hanno mostrato interesse (IDV, Rifondazione Comunista, Movimento 5 Stelle e altri); gruppo aperto a tutti, quindi chi non ha partecipato ha fatto una propria scelta. Dopo la pausa estiva finalmente l’Osservatorio dovrebbe concretizzare la sua organizzazione con un’assemblea per votare lo Statuto e un Consiglio Direttivo e questa è un’altra occasione di partecipazione per chi è ancora indeciso.
    Per ulteriore precisione dobbiamo dire che nel frattempo l’Ossevatorio è stato molto impegnato nel sostenere la nascita dell’Associazione Buongoverno MPS, associazione di piccoli azionisti della Banca MPS del tutto estranea alla politica, altro organismo che si è rivelato molto importante per l’assemblea MPS del maggio scorso e che probabilmente lo sarà anche per quella del 9 ottobre prossimo.
    Quindi come vede la nostra collaborazione e la nostra disponibilità a collaborare con altri soggetti è massima, senza pretendere nulla se non il completo rinnovamento e l’esclusione di chi ha partecipato a qualsiasi titolo al saccheggio della Città.
    La inviterei quindi ad essere più preciso nelle sue considerazioni e a partecipare attivamente e manifestatamente all’attività di Pietraserena o dell’Osservatorio Civico; come abbiamo scritto nel nostro articolo di ieri non bastano più lamentele e indignazione ma serve un impegno serio e un pò di coraggio da parte di tutti i cittadini veramente interessati a cambiare le cose.
    Saluti

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: