Federico Muzzi Il Santo - Foto

Libero Contributo – Siena riparta dalle Mura

RICEVO E PUBBLICO
La Lega di Siena, che con soddisfazione prende atto della crescente attenzione, riscontrabile sia da parte delle sedi istituzionali che sui media, nei confronti della grave situazione in cui versano le Mura della nostra Città, vuole porre l’accento su un aspetto finora poco considerato, ma da noi della Lega ritenuto fondamentale per il futuro della comunità e dell’economia senese: il ruolo di primo piano che le Mura (comprese le porte e la Fortezza medicea) possono svolgere quali monumento chiave, specialmente in vista dell’appuntamento del 2019 che ci dovrà vedere protagonisti, nella definizione di una nuova, più elegante e più appetibile immagine della nostra Città che potrà essere veicolata verso l’esterno: la proposta è quella di lavorare, di concerto con esperti dei settori coinvolti, ad un programma che non si limiti ai soli restauro, messa in sicurezza e pulizia della nostra importantissima cinta muraria (opera di due dei più grandi architetti della storia, i senesi Francesco di Giorgio e Baldassarre Peruzzi), ma che preveda una piena valorizzazione, anche estetica, del monumento, che ne renda conoscibile l’immenso valore per tutta la durata del giorno: è fondamentale, quindi, un progetto di illuminazione innovativo e rispettoso del contesto, che dia nuova visibilità alla Città ed un’immagine di Siena come “città di luce”, contrariamente a come invece oggi appare a chi ha la fortuna o l’abitudine di osservare il Centro storico nelle ore che seguono il tramonto.
Tutto ciò è attuabile, a costo zero per le casse pubbliche: la soluzione è quella che un privato o, meglio, una cordata di privati (di cui è necessario facciano parte anche forze artigianali e imprenditoriali del territorio senese) realizzino il progetto completo di restauro e valorizzazione del monumento, ricavando dal progetto stesso una sponsorizzazione e pubblicizzazione che permettano il ritorno economico in tempi limitati. Al privato che volesse operare in tal senso sarà richiesto anche uno studio di fattibilità per una fruizione più completa possibile delle Mura ove la struttura, previo i necessari lavori di messa in sicurezza, lo permetta.
Questo può essere il primo passo per dare nuova “luce” alla nostra Città, sulla scia di molte altre esperienze in Italia e soprattutto all’estero, dove città antiche e moderne ricavano brand di successo da monumenti pur di scarso valore storico-artistico, ma fortemente valorizzati dal punto di vista estetico e strettamente visivo.
Tutto questo, per Siena Capitale 2019, si può fare.
Lega Toscana – Lega Nord
Sezione comunale di Siena

 

2 replies to “Libero Contributo – Siena riparta dalle Mura

  1. ma perché a Volterra sono comunali?
    fare chiarire con interrogazioni parlamentari questa disparità di normative! FORZA, deputati di tutti i partiti, forza!
    Il bello che il governo pare intervenire in quel caso! Non sarebbe paradossale?

  2. Abbiamo già presentato un’interrogazione. Caro Mario, il debito pubblico è al 123% del PIL… forse lo statalismo andrebbe superato, no?

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star