Annunci
Home > libero contributo > Libero Contributo – MARIO ADINOLFI – Voglio la Mamma a Siena.

Libero Contributo – MARIO ADINOLFI – Voglio la Mamma a Siena.

26 settembre 2014

RICEVO E PUBBLICO

Ieri sera una sala Patrizi gremita ed attenta ha accolto Mario Adinolfi, che ha toccato anche Siena nel suo tour nazionale in cui presenta il libro Voglio la mamma.
La serata che ha visto un centinaio di persone affluire nella sala messa a disposizione dal comune è stata organizzata dalle associazioni La Manif Pour Tous e Sentinelle in piedi di Siena.
Il libro è l’istant book del momento, che rappresenta un evento editoriale e culturale strepitoso. In pochi mesi, in vendita per pochi euro e scaricabile gratis da internet, ha catalizzato l’attenzione dei social e di tanti lettori che in tutta Italia hanno fondato i circoli VLM per difendere la famiglia e le persone.
Dice Adinolfi, semplicemente per difendere la logica e la ragione, che oggi è tragicamente e assurdamente capovolta.
Fondatore del PD, ex parlamentare, Adinolfi ha dimestichezza con le cifre e le usa volentieri, perché sa che quelle ancorano il discorso alla realtà e riportano tutti con i piedi per terra. Purtroppo oggi viviamo un’offensiva senza precedenti, che vuole convincerci che le persone siano cose, e che tutto sia possibile.
Sono cose i bambini che vengono mercificati come fossero oggetti del desiderio, beni di lusso per capricci da medio alta borghesia.
Nel libro si raccnta, ditazioni alla mano, di Elton Jhon e delle sue dichiarazioni sulle varie riviste patinate di gossip dove ha raccontato la sua esperienza. Il cantante inglese ha raccontato che suo figlio Zac, avuto mediante utero in affitto, ha pianto per due anni, e lui è sicuro che quando saprà che è stato privato della madre gli si spezzerà il cuore.
Il passo per tornare indietro e dequalificare la vita umana pensandola e trattandola come oggetto è breve.
Una volta aperto all’aborto ora ci troviamo Singer che teorizza l’infanticidio e così una volta aperto alle unioni gay non potremo opporci alla adozione e alla filiazione con ogni mezzo e le sentenze recenti lo confermano.
Occorre che i credenti si facciano sentire, che non accettino tutto questo supinamente. Ma non solo i credenti, tutti coloro che ragionano e conoscono la verità devono opporsi a questo assurdo disegno che vuole capovolgere la realtà, perché da uomo di sinistra Mario Adinolfi mette in evidenza che il debole, quello da difendere è il bambino: quello che nasce già privato della madre, quello handicappato che viene abortito, quello che viene lasciato morire perché disabile. Il debole è il bambino.

Lotta che ha già portato i suoi frutti: risvegliando le coscienze facendo sì che le persone si interrogassero. Lotta condotta da vari gruppi comunque denominati (Sentinelle in Piedi, LMPT o i circoli di Voglio La Mamma) che si sono opposti a questa assurda strada di morte.

Le sentinelle in piedi scenderanno nuovamente nelle piazze di tutta Italia Domenica 5 ottobre. Nelle Piazze per dire Sì al rispetto dei principi costituzionali, Sì alla vita, No al regime LGBT, No alla dittatura di chi considera l’uomo come un oggetto, una cosa a disposizine che se difettosa o costosa può tranquillamente essere gettata (come si fa con l’aborto, lpinfanticidio e l’eutanasia).
Anche a Siena quel giorno saremo in piazza del Campo alle 18.00 con un libro in mano, dritti in piedi per dare testimonianza, in silenzio, la verità naturale che ogni bambino ha diritto a un babbo e una mamma.

Chiunque ami la libertà di espressione del pensiero, chiunque ami la vita umana come bene e dono prezioso che non può essere usato e trattato come un oggetto, è responsabilmente chiamato ad unirsi alla battaglia e alla resistenza pacifica di chi difende l’UOMO e la SOCIETA’ basata sul diritto naturale.

Sentinelle in piedi di Siena

ADINOLFI01 ADINOLFI02

Annunci
Categorie:libero contributo
  1. 27 settembre 2014 alle 11:03 am

    A parte le due espressioni “occorre che i credenti” e “tutti coloro che ragionano e conoscono la verità” (!!), condivido il resto che, in ogni modo dovrebbe essere oggetto di discussioni pacate.
    Per me anche gli adolescenti non solo i bambini hanno bisogno più che mai di attenzioni e di affetto in una società che vede troppo spesso i genitori delegare ad altri il compito di educatori.
    Ci saranno tra poco nelle scuole le elezioni per i rappresentanti dei genitori. In tempi lontani ma per lunga esperienza personale, è indispensabile che vengano elette persone che si conoscono e che si sappia bene come la pensano, non il primo che capita.
    In questo contesto, pur essendo credente, lascerei fuori la/le religioni e i portatori di verità assolute.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: