Federico Muzzi Il Santo - Foto

Editoriale de IL SANTO – A Fanali spenti nella ZTL

La situazione senese è veramente tragicomica. Leggendo alcuni post per il web a parte i soliti noti, si continua a dire la propria verità senza nemmeno un minimo di autocritica. Il solito ELIO (che ancora non si è accorto dei danni fatti dai suoi amici), se la prende con chi ha voluto il commissario, dimenticando che il commissariamento è stata la conseguenza di una politica sbagliata da parte del partito egemone senese. Infatti prima hanno sbagliato a scegliere gli alleati, poi non li hanno saputi gestire… Questi sono fatti non opinioni, visto che il FANALI ci tiene tanto. Vorrei sapere da Lui cosa pensa delle inchieste in corso e di tutti gli avvisi di garanzia che sono piovuti su buona parte degli uomini che hanno sostenuto il Sistema Siena. Comunque ecco il link dove potete leggere quello che scrive (clicca e leggi).

Un altro articolo che mi ha fatto prendere la tastiera in mano è questo (clicca e leggi). Si tratta di un articolo di FRATELLO ILLUMINATO riguardante i permessi ZTL. Questa è stata una battaglia che ho portato avanti in circoscrizione per tutto il tempo del mandato. Infatti era sorto il problema e c’è sempre dei permessi che venivano dati gratis ai giocatori di calcio e di basket. Visto che il regolamento comunale per la ztl non contempla la figura del domiciliato. Infatti solo il residente può chiedere l’accesso e la sosta previo pagamento di 26,00 euro al mese!! Chiedevo all’amministrazione come potevano dare i permessi di transito ai giocatori, che avevano solo il domicilio, compresa la sosta senza il pagamento del bollino. La risposta fu veramente eccezionale: I giocatori e gli allenatori vengono inseriti nelle fasce particolari di persone, ovvero tra i pensionati i disabili e gli indigenti (in base al regolamento ZTL)!!! L’amministrazione quindi metteva giocatori con uno stipendio di milioni di euro, magari con la residenza a MONTECARLO fra i poveri (per potergli dare il permesso)!!! Se riesco a trovare la risposta alla mia interrogazione la pubblicherò!!! La situazione non è cambiata e vedo ancora macchinoni da centinaia di migliaia di euro posteggiati col permesso “particolare”.

Una chicca per i più birichini. In questi giorni ho notato un famosissimo giornalista senese che posteggiava la macchina, mi sono avvicinato e ho visto che il giovanotto aveva un permesso lungo un chilometro sul cruscotto (c’era praticamente tutto lo stradario di Siena): perchè poteva entrare, uscire e parcheggiare in ogni dove a Siena. Chiaramente senza il famoso bollino da 26,00 euro che noi comuni mortali dobbiamo comprare mensilmente!!! Ma si sa il groviglio armonioso non è per tutti… Saluti IL SANTO

Ma non per tutti… Vero direttore???

10 replies to “Editoriale de IL SANTO – A Fanali spenti nella ZTL

  1. bravo Santo! veramente vergognoso! se pensi poi alle moto che vengono dolosamente lasciate ad occupare un posto in attesa di tornare con la macchina! Se i vigili non sanno risolvere questo problema, speriamo che almeno il Commisssario che non dovrebbe avere amici a Siena lo risolva: bella revisione delle liste ZTL, ce la fa dottore per farsi perdonare la cena dei VIP?
    A proposito, le liste si possono chiedere dove, in Comune o in Provincia?
    Chi è competente in base alla trasparenza?
    Strane che quel diavolo santo del Falorni non le abbia recuperate. L’Ascheri si occupa solo di cose importanti, e forse fa bene, ma non di ZTL perché abita fuori città?

  2. Caro Santo, onestamente secondo me dai troppa importanza alle banalità del sor Fanali e col tuo blog seguitissimo fai pubblicità gratuita al suo che altrimenti non se lo fila nessuno tranne pochi aficionados che innescano con lui innumerevoli polemiche senza fine, ma soprattutto senza senso.
    Non so se rimetterò piede in consiglio comunale, ma se dovesse accadere ti giuro che del problema degli accessi alla ZTL farò un vero e proprio tormentone, che neanche il miglior Falorni … Si tratta di argomenti apparentemente di poco conto, ma sui quali si misura la correttezza e la trasparenza di una amministrazione. E a Siena entrambe da troppo tempo mancano.

  3. e’ tutto da rivedere perché anche le aree circostanti le mura hanno trattamenti ridicoli…commissario, ci perda qualche oretta! Le due ultime giunte hanno fatto solo disastri. Anche la storia degli apini è discutibile, tutto da ripensare togliendo privilegi.

  4. Caro Santo, ma che ci vuoi fare? questa gente sarebbe in grado anche di negare questo http://www.repubblica.it/economia/2012/10/18/news/moody_s_mps-44757179/ ma è il loro mestiere, spostare l’attenzione sui poveri disabili che il commissario cattivone non si fila, per dire, tra le righe, che era meglio prima. Senza però palesarlo troppo, così da poter avere il margine per dire poi che non si riferiva a tutto, ma solo a questo particolare (?????) e che quindi lui comunque sa vedere ciò che è successo. E’ un mestiere vecchio come il mondo, e nel mondo c’è n’è tanta di quella roba che viene citata nel titolo dell’articolo…..

  5. sono una residente in ZTL con bollino regolare e tutte le sere, dico tutte, rientrando a casa passo ore a cercare un posteggio, nella zona dove dovrei parcheggiare io ci sono sempre le stesse macchine, sfornite di qualsiasi bollino, auto con permessi di solo transito che però stazionano giorni posteggiate. una sera su 100 auto ho contato almeno 20 bollini per handicappati. Ogni volta che ho chiamato i vigili mi è stato risposto che non c’erano volanti disponibili. non interessa a nessuno mettere le “mani” in questa cosa.

  6. “RIPRENDIAMOCI SIENA”
    FACCIO UNA PROPOSTA A TUTTI I BLOGGER CHE SEGUONO QUESTE PAGINE, E COME PENSO, ANCHE ALTRI BLOG SENESI.
    PROVIAMO A ROMPERE LE PALLE A TUTTI.
    FRANCAMENTE SONO STANCO DI LAMENTARMI E CHE TUTTI SI LAMENTINO, IL LAMENTO E’ FINE A SE STESSO, BISOGNA AGIRE.
    PROVIAMO A IDENTIFICARCI NEI VARI BLOG IN MODO DA COMINCIARE A FARE UN PO DI RUMORE SERIAMENTE.
    ALTRI HANNO INIZATO COSI E CI SONO RIUSCITI, IO HO PENSATO A UN BEL “RIPRENDIAMOCI SIENA” DA INSERISCE ALL’INIZIO DEL PROPRIO COMMENTO/POST.
    SARA’ COME AVERE UN DISTINTIVO CHE LENTAMENTE SARA’ RICONOSCIUTO E ALLORA POTREBBE ANCHE USCIRE FUORI DA QUESTA SCATOLA DI LATTA E ANDARE PER LE STRADE.
    NON SCHERZO, IO VOGLIO FARLO E PROPONGO A TUTTI DI FARE QUESTA PICCOLA GRANDE COSA.
    PENSATE CHE COSA SAREBBE VEDERE SU TUTTI I BLOG TUTTI I COMMENTI CHE INIZIANO CON QUELLA FRASE.
    SCOMMETTO CHE POI POTREMMO FARE QUALCOSA DI PIU GROSSO E SCENDERE IN STRADA. DA ALTRE PARTI STA FUNZIONANDO, PERCHE’ NON QUI?
    IL LIMITE STA DOVE OGNUNO DI NOI LO PONE…
    CHE ASPETTIAMO ALLORA… “RIPRENDIAMOCI SIENA”
    GC

  7. mi sembra un’ottima idea, tra l’altro l’avevo più volte riproposta.
    Si potrebbe pensare di fare qualcosa in forma “liquida”…..
    vediamo

  8. “RIPRENDIAMOCI SIENA”
    ok, forza, io vengo col mattarello…ma che i bloggers non mi facciano arrabbiare, sia chiaro!

  9. “RIPRENDIAMOCI SIENA”
    Grazie Massaia, grazie Francesco, io l’ho presa sul serio e il RIPRENDIAMOCI SIENA lo sto mettendo su tutti i post che faccio su ogni blog.
    Forza che più siamo e più pesiamo.
    E perDiana…. ci sarà anche da menare il mattarello, il il manico della zappa l’ho già ingrassato.
    GC

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star