Annunci
Home > libero contributo > Editoriale de Il Santo – Don Brunetto flerta con Il Movimento 5 Stelle…

Editoriale de Il Santo – Don Brunetto flerta con Il Movimento 5 Stelle…

11 dicembre 2014

Come sostengo da tempo il nostro Sindaco ama scrivere e esternare tutto quello che gli passa per la mente. L’ultima esternazione lascia perplessi e   ci fa chiedere: “C’è o ci fa?”

Ecco cosa scrive: “Era prevedibile che la parte più trasparente e non compromessa della manifestazione senese di un mese fa prima o poi avrebbe preso le distanze dal trasformismo dei vecchi interessi. Pur rimanendo avversari politici, dimostreremo piena disponibilità a collaborare su proposte condivisibili purché utili alla collettività.”

Chiaramente queste belle parole sono rivolte al Movimento 5 Stelle, che a Siena francamente delude molto, secondo la mia opinione è sempre stato poco incisivo, tranne per Mauro Aurigi che ha sempre battagliato. Non ricordo, ma posso sbagliarmi che altri del movimento abbiano alzato la voce negli anni caldi in cui si consumava il Sacco di Siena. Comunque tornando alle parole di Don Brunetto, vorrei sapere chi gli ha dato il diritto di dare la patente ai partecipanti alla manifestazione. Egli dovrebbe tacere! Come ha sempre fatto perché ne Lui ne altri suoi amici di partito hanno ostacolato chi ci ha portato allo sfascio. Non può fare il puro ora! Non lo può fare per niente, non può fare finta di essere caduto dalle stelle e magari dire che siamo dei bischeri perché non ci siamo accorti di certe situazioni. Alla manifestazione c’erano persone che avevano tentato di ostacolare il Sistema Siena, c’erano anche tante persone che ne facevano parte, ma che probabilmente hanno capito di aver sbagliato e con la loro partecipazione hanno chiaramente dimostrato che nella vita si possono riconoscere gli errori. Non mi fido al 100% di queste persone, ma sono consapevole che c’è bisogno di tutti per cambiare davvero questa città. Questo lo deve capire anche il Movimento 5 Stelle, anche loro non possono fare i puri, perché potevano e dovevano fare di più ai tempi di Mussari Giuseppe!!! Se questo non si capisce saremo comandati da Don Brunetto e dai sui figliocci in eterno…  In fine ricordo a Don Brunetto Renziano di prima ora che il suo capo collabora ogni giorno con Berlusconi, quello che ha mandato Verdini a Siena… PORA SIENINA…

sindacofacebook

Annunci
  1. raffaele ascheri
    11 dicembre 2014 alle 1:21 pm

    Ottima segnalazione, caro Santo!

    Ricordo che giusto giovedì prossimo (Palazzo Patrizi ore 21) ci sarà l’atteso chiarimento pubblico di Pietraserena; saranno presenti all’evento anche i pentastellati: ci potranno essere domande anche per loro, si immagina…

    L’eretico

  2. santosubito
    11 dicembre 2014 alle 2:44 pm

    Possono venire tutti a Palazzo Patrizi??

    • 11 dicembre 2014 alle 2:51 pm

      Credo di si

  3. francesco
    11 dicembre 2014 alle 3:51 pm

    Comunque caro Santo, ad onor del vero e per diritto di cronaca, a parte quelli della Lega, il Falorni, l’Aurigi, Semplici, voi bloggers e qualcun’altro, nessuno di questi soloni si scagliava petto infuori contro il sistemone. Per cui, secondo il principio che chi ha taciuto prima deve tacere anche adesso, nessun’altro oltre questi dovrebbe parlare. Io sarei anche d’accordo, però ricordiamoci che queste del sindaco sono le tipiche frasine politichesi usate per dividere et imperare. Per fare in modo cioè che l’attenzione di nuovo si sposti e che si continui la guerra fra poveri mentre gli altri ridono. Io sono dell’idea che bisognerebbe che tutti quelli che hanno avuto ruoli politici in passato si facessero da parte. E siccome voglio essere garantista dico che lo dovrebbero fare per permettere un vero rinnovamento fuori dai partiti e dalle sigle. In poche parole, per portare di nuovo a votare quel 47% di elettori che al ballottaggio hanno disertato le urne, l’opposizione tutta untita dovrebbe dire: “noi da domani non esistiamo più. Da domani c’è il signor X che farà l’opposizione per tutti noi perchè ci rappresenta ed è onesto e mai stato colluso”. PUNTO. Il resto è la solita fanfara di questo contro quell’altro e via discorrendo. Certo, ci vorrebbe il mister X, ma nei fatti il mister X esiste già, basterebbe solo che si palesasse nelle intenzioni….

  4. Dantès
    11 dicembre 2014 alle 4:45 pm

    Una gran buona riflessione, caro Santo, complimenti!
    Chiaro che il Bruno cerca di approfondire la divisione esistente nella minoranza, sarebbe sciocco che non lo facesse, sciocco non è, furbone, anzi. Infatti, se voleva prendere occasione di discutere una proposta di uno dei 500 non compromessi certamente avrebbe dovuto rispondere alla Lettera di Ascheri senior al Cittadino, che ho visto ancora caricata ieri. Vada a leggersela? Ma l’ha letta certamente il Furbone e non è intervenuto naturalmente. Perché invece non costituisce una commissione di consiglieri e di esperti che cerchi di capire che cosa è successo SUL PIANO ETICO E AMMINISTRATIVO NON GIUDIZIARIO? Io proporrei come membri Stelo e Piccini, oltre a te e Raffaella e Eretico. L’altro ascheri no, perché la ha proposta, va così la vita, vero?
    Non capisco invece il giovedì dell’Eretico. Si sentirà Romole’ e Tucci dire che sono stati bravissimi mentre Falorni e gli altri non verranno a fare contraddittorio, ci scommettete?
    Due mondi incomunicabili NON si rendono così PIU’ incomunicabili di quello che gia’ sono? Troppi furbetti del quartierino, dentro e fuori il Pd. Mi meraviglia che l’Eretico ci caschi.
    Aveva biasimato mi pare Tucci ecc. per essere andati al mare. Ma ora loro diranno che non potevano appoggiare Neri-Cenni ecc. perciò disponibili se Valentini lancia proposta seria, e perché no? Tutto déjà vu con Ceccuzzi o sbaglio, amici miei? La crisi di Siena è anche qui, ma non se ne esce, state tranquilli. Almeno con questi qui.

  5. Giorgio Finucci
    11 dicembre 2014 alle 7:19 pm

    Condivido quanto dice Francesco relativamente al signor X che dovrebbe fare l’opposizione da domani, al posto degli attuali rappresentanti. Sarebbe una semplificazione enorme e cesserebbero tutti i veti e controveti personali. Allora però bisogna lavorare su mister X, in modo che sia veramente uno al di sopra di tutti e soprattutto che possa riunire tutti, ovviamente anche i pentastellati. Bisogna anche che mister X abbia un nome e un cognome, se no risiamo ai soliti anonimi che piacciono tanto, ma non cambiano nulla….

  6. Maria Lupi
    11 dicembre 2014 alle 11:58 pm

    ma chi lo sceglie mister X, Signori belli? senza primarie non si va da nessuna parte, credetemi, anche se aperte a ogni inquinamento come ha dimostrato il voto sul peggiore blogger! Se Eretico e altri blogger avessero fatto un incontro su questo problema sarebbe stato molto più utile che non quello previsto per giovedì. Io fortunatamente sono fuori al lavoro ma non sarei andata, credo.
    I consiglieri sono pregati di annotarsi le novità che vengono dai social network: io ho intravisto
    1) problema monete antiche
    2) problema rendiconto spesa soldi Unesco per le mura
    Forza quindi con le interrogazioni, miei prodi. Possibile le debba fare tutte il Falorni? Tucci, non la riconosco più. Sveglia, lasci fare queste polemiche sulle vecchie elezioni. Ormai la frittata è fatta. Pinassi, che fa? Pensa alle regionali? Mandateci l’Aurigi, a Siena mi sembra sprecato.

  7. francesco
    12 dicembre 2014 alle 10:37 am

    Io credo che mister X sappia di essere mister X è solo che ancora manca troppo alle elezioni…forse….e forse ha paura di bruciarsi. Però ricordiamoci anche che per fare qualcosa di serio e costruire un’alternativa credibile, condivisa e soprattutto veramente pubblica ci vuole del tempo. Ok forse 3 anni e mezzo sono troppi, ma poi si rischia l’accozzaglia dell’ultim’ora. Mister X cara Maria non lo deve scegliere nessuno. Fare a questo punto delle primarie potrebbe essere inutile per i motivi che ricordi. Inoltre qualora mister X si presentasse sarebbe suffragato dall’investitura popolare che lo riterrebbe al di sopra delle parti e di pacificazione trasversale. Se fosse il caso di ritenerlo. Ma credo che il mister X che ho in mente io avrebbe tutte le carte in regola. E credo anche che si porterebbe dietro un bel po’ di cittadini mai assurti alla politica o solo affacciati e mai entrati in modo convinto….

  8. Multipass
    12 dicembre 2014 alle 11:39 am

    Mi permetto di fare qualche appunto al ragionamento, cercando di ragionare da cittadino-contribuente e non da elettore, differenza che per il mio punto di vista non è cosa da poco. Il contribuente-elettore valuta il lavoro, il comportamento ed il risultato del proprio dipendente, che in questo caso è il Sindaco. L’elettore decide chi assumere in base ai propri principi etico-morali ed alle promesse di un futuro migliore per la propria città.La maggior parte dei commenti e ivi compreso il post ragionano da elettore. Ragionando da contribuente-elettore, direi che la frase del Sindaco è inquietante quando ammette che esiste del “trasformismo dei vecchi interessi”. Perchè ammette che le attività comunali dipendono da interessi incontrollabili (?!), che Lui stesso conosce ma di cui non si preoccupa…….Parla di avversari politici, come se in Comune ci fossero delle barricate e non un confronto a viso aperto con l’ obiettivo primario del bene della Comunità di cui Lui si è assunto la responsabilità di tutelare ( anche se son bischeri….). Il ” dimostreremo piena disponibilità a collaborare su proposte condivisibili purché utili alla collettività”,è un po’ la frase che direbbe un capocosca, anche perchè definisce il mitico “noi siamo noi e voi….” di sordiana memoria e non certamente una frase che un Sindaco in un Paese democratico-costituzionale dovrebbe dire!!! Per cui i dubbi sono tanti anche se a mio parere le dichiarazioni del Sindaco mi risultano incomprensibili per l’80%, ma forse non essendo di Siena città, ho qualche problema con la lingua locale. Direi che il Movimento 5 stelle è ancora in embrione dal punto di vista strutturale per come la vedo io. Anche se direi che le riunioni da massoneria segreta dei primi anni sono ormai un ricordo e a leggere l’ attività di proposte in consiglio comunale mi sembra che un po’ di cose siano state messe in cantiere. Oltre all’ Aurigi che è un personaggio che si è tolto i sassolini con discrezione , il 5 stelle ha avuto apici di attenzione solo con la presenza di Grillo,anche perchè la società senese vive sul fatto che ” il Monte è sempre esistito e sempre esisterà, anche perchè senza che si fa??”.Insomma se uno ascolta con attenzione e si sforza di capire, poi quando da cittadino-contribuente , si diventa elettore, sicuramente siamo capaci di scegliere e cambiare le situazioni.Ovviamente però, “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire!!”, visto che già in tempi non sospetti c’era qualcuno che parlava di quello che sta succedendo, ma la storia in teoria insegnerebbe se ci si informa (http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Speciali/2007/processo-parmalat/parmalat-crack-annunciato-130207.shtml?uuid=befe348a-3a9d-11dc-9700-00000e25108c) !! “Ne Lui ne altri suoi amici di partito hanno ostacolato chi ci ha portato allo sfascio”, concordo, ma direi che il problema riguarda i dipendenti di una ditta che usufruivano di beni e servizi che gli facevano pensare che ” se rubano un po’ , ma ne resta anche per me ….ma chissenefrega!!”, per cui se i bilanci o altro erano falsi ….ma chissenefrega!!! Come del resto il fatto che NESSUNO, per quel che mi è dato conoscere, ha un’ idea di quale sia il bilancio REALE di Comune-Università-Ospedale e altra istituzione pubblica, tanto è vero che durante le campagne elettorali nessuno si azzarda di dire il valore economico del Comune e simili. La questione dei puri è una questione prettamente religiosa, che può essere risolta per molti con una semplice confessione, mentre per altri immolandosi in sacrifici estremi. Quindi credo più alla onestà intellettuale ed al concetto di un valore fondamentale che ci distingue nel mondo della Natura dagli animali : L’INTELLIGENZA. Nel nostro caso significa capire con valori REALI e condivisibili quale sia la situazione e dare le responsabilità, che mi rendo conto essere utopia in Italia, ma almeno provare a farlo. Con chi ? Con uomini e donne!! Esistono ancora ? Cioè esistono donne e uomini che vogliono vivere una vita normale in buona armonia e condivisione, come direbbe il buonsenso e l’ intelligenza ? Una città di contrade dove tutti si conoscono e sanno tutto di tutti, secondo me è fattibile!! Ma quanti vogliono essere uomini e donne e mettere da parte il ” io sono io e voi…..” ????

  9. Romolo Semplici
    12 dicembre 2014 alle 3:11 pm

    Per maggiore chiarezza due brevi note.
    La serata, per precisare quanto espresso dall’amico Raffaele, non è, a mio giudizio, da definire come chiarimento politico di Pietraserena. Pietraserena ha ben poco da chiarire; tutto quanto portato avanti in oltre 10 anni è pubblico e difficilmente contestabile per coerenza, coraggio e impegno civico. Come già detto, per la nostra attenzione alla trasparenza, non ci potevamo e non ci volevamo sottrarre ad un confronto pubblico, che, oltre a spazzare via dubbi o strumentalizzazioni di alcuni, dovrebbe soprattutto servire a ribadire quel messaggio già lanciato prima in un comunicato e poi ieri sera a Siena TV da Tucci, Pinassi e Campanini sulla necessità di pensare ad un nuovo futuro alla Città, partendo dalla costruzione di un nuovo contenitore civico aperto a tutti, ma chiuso a coloro che hanno fatto parte del Sistema Siena a qualsiasi titolo. Penso che i confronti pubblici, viso a viso, siano ora fondamentali per fare chiarezza e condividere regole precise e siano da preferire ai pur importanti dialoghi su internet; i cittadini potranno finalmente dialogare con interlocutori in carne ed ossa, e non furbetti senza volto, quindi con la certezza che non siano agitatori del Sistema Siena che mirano come sempre a dividere l’opposizione sana, o strani personaggi con due, tre o più nickname ma con le idee molto confuse.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: