Annunci
Home > libero contributo, rassegna stampa > Rassegna Stampa – Il Consiglio Comunale umiliato da Don Brunetto… Il Santa Maria della Scala in mano a Don Brunetto non decolla!!!

Rassegna Stampa – Il Consiglio Comunale umiliato da Don Brunetto… Il Santa Maria della Scala in mano a Don Brunetto non decolla!!!

25 marzo 2015

Prima della consueta rassegna stampa ecco un post di Enrico Tucci che invito a leggere…

A CHE SERVE IL CONSIGLIO COMUNALE ?
Oggi il Sindaco, tra una comunicazione e l’altra, ci ha benevolmente informato che tutto il lavoro prodotto in questa legislatura dalla Commissione Cultura e Scuola e dal Consiglio Comunale per il Santa Maria della Scala è stato sostanzialmente inutile perché l’Amministrazione ha deciso di non tenerne minimamente conto.
Come ricorderete nel 2011 il Consiglio Comunale aveva deliberato che il Santa Maria della Scala dovesse essere gestito da una fondazione di partecipazione, approvandone anche lo statuto. Nel 2014, dopo sei mesi di lavoro della Commissione Cultura e Scuola anche attraverso l’ascolto di tutti i Cittadini che volessero dire la loro, il 24 luglio il Consiglio ha deliberato un atto di indirizzo sul Santa Maria della Scala che, superando quanto stabilito nel 2011, dava precise indicazioni al Sindaco e alla Giunta in merito al da farsi. In particolare indicava come prioritaria la individuazione di un adeguato modello gestionale dando poi tutta una serie di prescrizioni a cui la Amministrazione avrebbe dovuto attenersi, entro ben determinati limiti temporali. Oggi il Sindaco ci ha praticamente detto che negli ultimi mesi sia lui che l’Assessore alla Cultura (con le sue ipotesi di Consorzio) avevano fatto melina per tenere buoni i Consiglieri, mentre decideva che la soluzione migliore era un’altra: la nomina di un Dirigente/Direttore (sic!) affiancato da un Comitato Scientifico (di alto profilo, ovviamente!) per la definizione delle politiche culturali, mentre tutte le attività di servizio verranno esternalizzate. Inoltre è stato detto chiaramente che non c’è nessuna intenzione di procedere verso il completamento della ristrutturazione perché ci sono si e no i soldi per mettere in sicurezza l’esistente.
A questo punto mi chiedo e Vi chiedo cari Colleghi Consiglieri: a cosa servono le Commissioni? A cosa serve il Consiglio Comunale? A perdere tempo e a spendere denaro pubblico? Eppure non è un’aula sorda e grigia …

LA GIUNTA VALENTINI SE NE FREGA DELL’ATTO D’INDIRIZZO SUL SANTA MARIA DELLA SCALA VOTATO DAL CONSIGLIO. A QUESTO PUNTO CI DOMANDIAMO: CHI RAPPRESENTANO IL SINDACO E LA SUA GIUNTA?

Consiglio Comunale di Siena: “Interrogazione urgente sulle vicende urbanistiche di Monteriggioni durante la giunta Valentini”

 In Borsa chiude a +5,52%. Vegas (Consob): nulla da rimproverarci su Montepaschi

Mps brilla in Borsa, il mercato studia ipotesi fusione

Metal detector “in crisi d’identità” al Palazzo di Giustizia

Atto di indirizzo della Fondazione Mps. I grillini propongono…

SMS “ridotto” a Museo civico. Cittadini di Siena si oppone

IL CONSIGLIO COMUNALE DI SIENA SI INFIAMMA SUL SANTA MARIA DELLA SCALA

Museo del Palio, si farà. Ma dove?

Là, in mezzo al mar…

Annunci
  1. francesco
    25 marzo 2015 alle 11:15 am

    ma fare qualche altra bella manifestazionje per vedere se questa volta si raccattano un po’ più incazzati no-o?

  2. Marco Falorni
    25 marzo 2015 alle 11:30 am

    Caro Federico, il sindaco teorizza che l’opposizione è inutile. Te ti domandi, forse giustamente, a cosa serve il consiglio comunale. Mi puoi dare un consiglio da amico? Che deve fare un consigliere comunale come me? Devo dimettermi? Se vedi quanta superficialità, totale pregiudizio, enorme disinformazione, nessuna voglia di leggere i contenuti, che emerge in certi commenti di facebook che certamente hai visto, magari la tentazione c’è. m.f.

    • 25 marzo 2015 alle 3:58 pm

      La risposta non è facile, credo che ognuno di noi debba fare quello che si sente. Per quanto mi riguarda non entrerei nelle polemiche su facebook, troppi fanno polemica sui social e poi al momento buono vanno al mare! Ti dico quello che farò io, darò ancora un po’ di tempo ai senesi, poi mi ritirerò in buon ordine. La vita è troppo breve per sprecarla per chi non vuol sentire… Saluti

  3. Marco Falorni
    25 marzo 2015 alle 4:35 pm

    Credo che tu abbia ragione, Fede. Ma tanto lo sai come siamo fatti, tutti e due. Quando vediamo le cose storte, non riusciamo a far finta di niente, altrimenti stiamo anche peggio. Consentimi però di confessare la mia grande amarezza. Non solo tanta gente è di una disarmante superficialità, ed anche becera maleducazione, ma anche persone da cui ormai ti aspetteresti un po’ di consapevolezza, non esitano a sparare sentenze prima ancora di sapere di che si parla. Ma per chi lottiamo? Mah… Lottiamo almeno per noi stessi, per la nostra dignità. E aspettiamo tempi migliori. Ciao. m.f.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: