Annunci
Home > libero contributo, siena > Editoriale de Il Santo – Natale amaro per i dipendenti della Siena Biotech

Editoriale de Il Santo – Natale amaro per i dipendenti della Siena Biotech

21 dicembre 2014

Purtroppo siamo qui a registrare l’ennesimo insuccesso del Sistema Siena, che ha retto fino a che la Fondazione ha finanziato. Inevitabilmente i sogni di gloria si sono infranti da quando il Presidente Clarich ha detto che taglierà i fondi alla Siena Biotech (società strumentale della Fondazione). Sin dall’inizio dell’avventura di questa eccellenza a molti era apparsa una scelta megalomane di un Sistema autoreferenziale. Su questo blog mi sono interessato spesso alle vicende di questa azienda, che doveva essere il fiore all’occhiello di Siena per quanto riguardava le biotecnologie questo è un articolo del 2011 (Che cosa è Sienabiotech ? Perché esiste?), ma non sono stato l’unico anche Marco Falorni nel sito di Impegno per Siena affronta la questione con molti dettagli (Siena Biotech Story – 1 / Un altro “nodo” sta venendo al pettine ). Questi sono alcuni esempi di quello che un blogger e un politico pensavano di questo progetto, ma cosa ne pensava per esempio un professore associato della nostra università esperto in materia? Sotto un articolo del Corriere di Siena del Gennaio 2013 scritto dal Professor Emanuele Montomoli e ancora un articolo recente dello stesso professore. (clicca e leggi)

Ora però è il tempo di trovare delle soluzioni vere. Le promesse e i discorsi che il nostro bene amato Don Brunetto continua a fare anche in Consiglio Comunale non sono sufficienti, visto anche la propensione del nostro Sindaco a non mantenere nemmeno una delle promesse fatte ai senesi. Purtroppo io non ho soluzioni, non è il mio compito, ma lancio un appello a chi di dovere a interessarsi di questa vicenda, perché oltre al prestigio che abbiamo perso. Oltre ai soldi investiti in questa operazione, che non dobbiamo perdere. La priorità è tutelare le professionalità e le famiglie dei ricercatori e dei lavoratori della Siena Biotech. Ci sarà qualcuno che ha un idea un mezzo progetto per poter rilanciare questa eccellenza, oppure ci dobbiamo rassegnare a perdere del tutto sia soldi che professionalità?

 Un augurio di Buone Feste anche se amare a tutti i dipendenti della Siena Biotech, con la speranza che l’anno nuovo porti soluzioni e speranze a voi tutti…

Clicca e leggi

Clicca e leggi

Annunci
  1. Montepaschino Tranquillo
    21 dicembre 2014 alle 10:41 pm

    L’incompetenza la chiamano anche presunzione? Non lo vedo nel dizionario italiano…vogliamo sapere che era nei CdA e quanto prendevano/prendono; consiglieri comunali volete chiedere per cortesie chi sono stati questi geni? Grazie

  2. Multipass
    22 dicembre 2014 alle 1:49 am

    Non so come mai ma nel leggere i post di questo fine anno mi vengono in mente due comportamenti presenti in Natura: quello del leone e del coniglio ferito. Dove il primo diventa ancora più belva ed aggredisce il proprio aggressore, mentre il secondo scappa …generalmente per morire.
    Chissà perché ma…la Fondazione…. quindi il Monte dei Paschi… i cittadini di Siena …. il primo cittadino …..sono molto più modello coniglio che leone.
    Con questo non voglio certo dare, ai cittadini senesi, la responsabilità del fallimento della SienaBiotech come di tutto ciò che era sul territorio della città ma, per rimanere in tema scientifico, è solo una microcellula, del crollo del MONDO DEL LAVORO E DEL FUTURO DI UNA SOCIETA’ .
    Ma non riconoscerne una partecipazione a questo triste risultato sarebbe un po’ come confermare la teoria che i responsabili sono sempre gli “altri” !!
    Teoria confermata dal dipendente pubblico, nonché primo cittadino di Siena con le dichiarazioni a SienaTv nel rispondere ai blogger (cittadini=contribuenti)…..“Decidere per migliaia di persone rischia di rompere equilibri e….” certo non è semplice per raggiungere l’ obiettivo di accontentare tutti, ma non lo è altrettanto per scontentare tutti e soprattutto portando, come il pifferaio magico, tutti a morire affogati nel piacere del bel suono del “bisogna aver coraggio di decidere e assumersi le proprie resopnsabilità” !!!
    Si perché le responsabilità hanno generalmente dei RESPONSABILI e nelle amministrazioni pubbliche italiane è difficile trovarle come dimostra anche il cartone animato Asterix ed Obelix (https://www.youtube.com/watch?v=RatpMrD5aeM)!
    Se i responsabili vengono colpiti per la loro responsabilità, non vuol dire che si “decapita una classe dirigente” , ma che si VUOLE migliorare la qualità di una società altrimenti perché non si è mantenuto in vita Hitler-Stalin-Mussolini o non si è dato un premio Nobel all’ economia a Craxi-Lehman Brothers-Riina ???
    I responsabili si trovano a prendere “decisioni gravi”dove a volte c’è o non c’è un “confronto..per tempo”, trovandosi nelle condizioni di non poter utilizzare i ” soldi in maniera più produttiva”, secondo le convenienze in una”logica assistenziale”e mentre ”nessuno verificava”pensando alla “Cassa del Mezzogiorno!?!?
    Poi arriva l’apoteosi del ragionamento del dipendente pubblico che “partecipa ai concerti e …”, spiega che ”la regione ha stanziato” sicuramente i soldi come ”i 3 milioni della regione che però andavano alla TLS..” e che sfortunatamente il signor ”Clarich lo sa ma si è spiegato male”, senza considerare che la ”politica è fuori dalla Fondazione” e quindi si può ad esempio “salvare la città” come del resto si può “ ricollocare i dipendenti SienaBiotech” e “riorganizzare il Comune” recuperando anche “1,3 milioni di euro senza cespite”che normalmente si pagavano (??) ……..in “una città da favola” e dove bisogna ”contribuire tutti” !!
    Certo, ma perché deve contribuire chi non va ai concerti e non conosce personalmente i suoi dipendenti a cui paga uno stipendio con l’ incarico di inventarsi gabelle varie e leggi che diventano efficaci e rapide con chi vuole ma escludendo gli “altri” ? Cioè pagano chi contribuisce ma non chi ad esempio pagava 1,3 milioni senza cespite…..
    L’incontro tra il sindacato e la Fondazione per SienaBiotech (come gli altri teatrini degli ultimi anni), è un po’ come il “Gatto e la Volpe” che parlano del bambino ingenuo e fiducioso del Mondo Adulto che ha promesso un bell’ albero per un FUTURO !! Quel Mondo Adulto che ha avuto il coraggio di far sparire miliardi di euro dicendo che era colpa di incompetenti e di poteri occulti, invece del semplice e cinico raggiro che se non riesce con le buone ( per ora è riuscito brillantemente!!), forse potrebbe riuscire con le cattive (signor David Rossi?!? )…….
    Per fortuna sembra esistere, oltre al(ai) pifferaio(pifferai) magico(magici), che gioca(giocano) con la speranza, anche chi concretamente cresce lavorando passo passo, come leggo negli articoli del post.
    Insomma come disse Adenauer….”viviamo tutti sotto il medesimo cielo, ma non tutti abbiamo lo stesso orizzonte”…DEVONO aumentare quelli con l’ orizzonte migliore!!!
    Ma l’idea del MONDO LAVORO non è più quella del cercare di valutare le idee per quello che sono ma da dove provengono. Se provengono dalla casta giusta, si possono e devono ascoltare altrimenti non vanno prese in considerazione !!!
    Le caste giuste nel Nostro Paese (che non è solo Siena!!) ?
    Vecchi ( oltre i 70 anni); dirigenti/accademici/alti funzionari pubblici che abbiano avuto anche solo un incarico pubblico in amministrazioni pubbliche o in associazioni d’ elitè; persone di sport/spettacolo che abbiano fatto vendere almeno più di 1000 copie per gossip e simili; persone che abbiano fatto “sparire” e/o “riapparire” soldi nei posti giusti con condanne lievi o con segnalazioni su giornali e simili o addirittura senza farsi nemmeno beccare!!!
    Il MONDO LAVORO, soprattutto negli ultimi 20 anni, sceglie le “nuove” dirigenze su indicazioni di “vecchi gatti e/o volpi”, che cercano di individuare “yes men” o “bravi adulatori” del gatto o della volpe!!!!
    Chi prova a fare con altri sistemi, tipo valutare pregi e difetti con persone che ragionano con umiltà-serietà-rispetto-onestà, viene trattato come un povero fesso-sognatore –idealista che non conosce la realtà e che pensa ancora alle favole………NON AD UN MONDO MIGLIORE!!!!
    Alla fine la domanda che mi viene da fare e che voglio fare dopo gli ultimi post è :
    MA CHI CHIEDE CHIAREZZA-GIUSTIZIA-RISPETTO-COLLABORAZIONE-ALTRUISMO ( SENZA FALSE MODESTIE)-VOLONTARIETA’ (SENZA RITORNI DI IMMAGINE E MEDAGLIE)-SEMPLICITA’ E COSI’ VIA ……..E’ VERAMENTE UN COGLIONE O SEMPLICEMENTE UN UOMO ???

    Perché il Leone ha solo la funzione di essere un predatore e non può avere grandi alternative come del resto colui che è preda come il coniglio.
    Ma l’ uomo è colui che ha l’intelligenza che lo rende capace di scegliere il miglior modo migliore di esistere/vivere e di coesistere/convivere con i propri simili, attraverso la conoscenza.

    Ma forse il problema è solo di noi occidentali come dice Tenzin Gyatso che :
    “Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell’Occidente è che perdono la salute per fare i soldi e poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere né il presente, né il futuro. Vivono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto”.

  3. Montepaschino Tranquillo
    22 dicembre 2014 alle 11:09 am

    le furbizie dominano il mondo politico grande e piccolo, caro amico, e quella comprende il silenzio: la proposta di INDAGINE SULLA QUESTIONE MORALE DEGLI ULTIMI 15 ANNI E DI RENDERE PUBBLICA OGNI SPESA PUBBLICA non trova interlocutori, o sbaglio? La regalo al Laboratorio civico, vediamo cosa ne viene fuori, o vogliono che vada da loro personalmente a farmi fare una fotografia? Loro gli pseudonimi non li vogliono più, vero? Sono caduti e prevenuti nei loro confronti. Il mondo del sospetto non lo alimentano loro in questo modo?

  1. 22 dicembre 2014 alle 2:02 pm
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: