Annunci
Home > libero contributo, politica senese, rassegna stampa > Editoriale de Il Santo con Rassegna Stampa – SI è SIENA!!! La gestione dei rifiuti non arriva in Consiglio Comunale… Esce TUCCI entra DE RISI

Editoriale de Il Santo con Rassegna Stampa – SI è SIENA!!! La gestione dei rifiuti non arriva in Consiglio Comunale… Esce TUCCI entra DE RISI

5 dicembre 2016

In Italia ha vinto il NO a Siena ha vinto il SI. Non sono un analista di REFERENDUM e quindi lascio volentieri l’analisi del voto a chi di dovere, mi accorgo però che la vittoria de il SI a Siena è utilizzata per rafforzare gli attuali amministratori. Il mitico DON BRUNETTO sul suo profilo FB pare un novello democristiano, leggetelo è splendido. Tutti i vari comitati per il SI già stanno facendo i conti per il 2018 forti di una popolazione che a questa tornata elettorale li ha sostenuti. Vedremo quello che accadrà. L’altra cosa che noto è che i RENZIANI senesi ora non hanno più Renzi, dovranno trovare un nuovo mentore per continuare con i loro trasformismi… PORA SIENA

Non mi sono scordato delle dimissioni di Enrico Tucci, ne parleremo nei prossimi giorni… Entra Enzo De Risi…

Referendum, Siena vota si

A Siena e provincia vince il “Si” alla riforma, alta affluenza alle urne

GESTIONE RIFIUTI: VALENTINI E RONCHI PER NON METTERE IN IMBARAZZO IL PD, EVITANO DI PORTARE LA GRAVE VICENDA IN CONSIGLIO COMUNALE

La domenica del villaggio: “Scene da un matrimonio”, e 2 Ps

Vittoria del No al referendum e dimissioni Renzi. Scaramelli:”Onore ai vincitori. Per adesso ci fermiamo qui”

Siena. Politica. Si dimette Enrico Tucci

Mps, in bilico il piano di salvataggio

Mps: Morelli propenso a tenere la sede a Siena

Timida ripresa

I risultati dell’11° sondaggio de LA FAVA D’ORO

SKARA SI

SKARA SI

Annunci
  1. Marco Sbarra
    5 dicembre 2016 alle 6:21 pm

    Ancora una volta il popolo “bue” e “ignorante” ha impartito una fragorosa batosta all’oligarchia degli Illuminati.
    Renzi e il Pd hanno preso una sonora bastonata, ma i veri destinatari del vaffa degli italiani sono tanti altri signori che amano manovrare e tirare le fila delle politiche degli stati sovrani senza averne alcuna legittimazione.
    La ditta Clinton-Obama, la Merkel, Juncker, Draghi, i giornaloni finanziari internazionali che sono entrati a gamba tesa in queste nostre votazioni, e pure il nostro beneamato ex presidente della Repubblica e “golpista in guanti bianchi” Napolitano. Al vertice della combriccola vi stanno le grandi banche d’affari americane che fanno il bello e cattivo tempo, manovrando i vertici degli stati europei e non e tiranneggiando il mercato finanziario mondiale. E’ di dominio pubblico che J P Morgan sia stata l’ispiratrice della riforma costituzionale antidemocratica renziana e non è un caso che sia da sempre l’eminenza grigia del Monte dei Paschi di Siena ed ora ne costituisca l’effettivo vertice apicale. Così come Goldman Sachs, che aveva in Tononi il suo rappresentante nella banca senese, ed ora veglia al suo capezzale insieme ad una bella compagnia di giro. Scopro l’acqua calda asserendo che tutti quei soggetti sono compenetrati dalla Massoneria mondiale, che nei suoi più alti gradi gerarchici – quelli che hanno frequentazioni assidue con gli spiriti esoterici – aspira al Governo Unico Mondiale e aborrisce la libera espressione del voto popolare, non rinunciando, all’occorrenza, a fomentare guerre, assassini e pure suicidi, come ben sappiamo.

    P.S:
    Se mi è permesso, vorrei rivolgermi agli amici senesi, mordaci come pochi: attenti, perché ora verrà il bello. Sta per arrivare ll ballo tipico della nomenklatura del Pci/Pd di Siena e d’Italia, il passo del gambero. Fulminata ex tunc sulla via del messia Renzi, dopo attenta riflessione sugli errori commessi e pubblica autocondanna, si cospargerà con compunzione il capo di cenere e convintamente ritornerà a lavorare per il glorioso avvenire della “Ditta” di provenienza.
    Per la centesima puntata delle serie di successo “Contrordine compagni”.
    Gli unici coerenti siete voi cittadini di Siena che imperterriti continuate a votare Pd.
    Ma questo è il bello della democrazia.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: