Archive

Archive for the ‘rassegna video’ Category

Editoriale de Il Santo con Rassegna Stampa – Le bufale on line… I profeti di sventura del BISI e Gabriello Mancini… Il 118 così non funziona bene…

20 febbraio 2017 2 commenti

Eccoci di ritorno, il blog riparte.

In questi giorni non si fa che parlare delle famose BUFALE che girano sul web e creano non pochi problemi alle persone.

Certo basterebbe un po’ di grano salis e la BUFALA viene smascherata in poco tempo.

Il Governo sta pensando ad un disegno di legge che addirittura prevede la galera per le bufale on line. (leggi)

Ma giriamo la frittata. Chi difende il cittadino dall’informazione diciamo così “regolare”.

Perché cari signori, noi viviamo in una città che per anni ha avuto i media ed i giornalisti asserviti al Groviglio Armonioso.

Chi difende il cittadino da quell’informazione che non racconta, che nasconde, che dice mezze verità? Se ci fosse stata una legge che prevedeva la galera a quei giornalisti che facevano finta di non vedere, le redazioni senesi sarebbero senza persone.

Basti vedere quello che ci raccontano i giornali e le televisioni americane a proposito del Muro di TRUMP! Non ci dicono che in ARIZONA c’è da tempo ed che il progetto è stato voluto dai Presidenti da Clinton in poi, oppure ci fanno vedere i messicani incazzati al confine americano, ma non ci dicono che il Messico ha costruito un muro con il Guatemala che ha anche un nome “muro di Hidalgo” costruito anni fa. Oppure visto che gli europei si scandalizzano tanto nessuno si ricorda del muro che divide in due CIPRO.

Questi chiaramente sono solo degli esempi di quello che può controllare l’informazione, riflettete cosa potrebbe accadere se un simile disegno di legge diventasse appunto legge. Chi stabilisce che una notizia è una bufala? Il tribunale?

Sarò sospettoso, ma a me sembra un’operazione per bloccare le voci libere, già ci provano con le minacce di querele ora con questa legge, meditate gente meditate… PORA ITALIA

Sotto un video giudicate voi se è una BUFALA o un’informazione seria…

Non funziona qualcosa (e un ps a proposito di scissioni)

Scoop ereticale: Nepi Fabrizio indagato (e 5 Ps)

Ultime notizie: vendita di Npl con effetti sulle obbligazioni?

Nuova interrogazione PD sull’incarico a Sacco

Non ti muovere!

I tempi cambiano

I “turborenziani”, le nomine della Fondazione e la linea editoriale degli Angelucci su Siena

La strada maledetta: due morti all’anno e decine di feriti lungo la sr429

Appena qualcosina

Pistoiese – ROBUR SIENA 1-0. Le imballatelle

Editoriale de Il Santo con Rassegna Stampa – Caccia ai birbanti che hanno osato… L’anticorruzione vuole il commissariamento di SEI TOSCANA… Martedì dell’Eretico per chi non l’ha visto…

11 febbraio 2017 1 commento

Ormai in questa città se ne sono viste di tutti i colori. Si rischia di più a esprimere il proprio pensiero che commettere errori che distruggono il futuro di una comunità. Le querele dei forti, colpiscono i deboli e normalmente il processo è velocissimo, non ci sono rinvii per un indirizzo sbagliato o per qualche cavillo legale. O ti pieghi oppure la paghi cara.

Non vedo però una città che si ribella che manifesta per tutti i soprusi di questi anni, che continuano, che strisciano, la paura c’è ancora e tanti non se la scrollano di dosso.

Poi a pensarci bene un Ladro non è solo chi si frega dei quattrini o della roba, un ladro è anche chi ti ruba il futuro, la speranza di una vita migliore, un ladro è anche quello che ti ruba un sogno!!!

E a Siena purtroppo ce ne sono tanti… PORA SIENA

L’Autorità anticorruzione dà ragione all’opposizione e torto a Valentini

“Uniti per Siena”: sì al commissariamento…

Movimento Cinque Stelle Siena:”Sistema 6 Toscana…

SPS:”IL COMMISSARIAMENTO DELLA SOCIETA’ SEI…

Ultime notizie Mps, le accuse di M5S sul decreto salva-risparmio

MPS: Clarich spiazza tutti e punta il dito contro il groviglio armonioso

Mussari sporge querela contro gli autori delle scritte

Tre uomini mascherati imbrattano le vie del centro. Uno denunciato

Il vero problema

Siena: te lo ricordi….

Aggiornamento Palaestra: si gioca, ma la situazione resta complicata

Verso il 28 giugno 2017

Il Siena, il Prato e gli anni ’90

Editoriale de Il Santo con Rassegna Stampa – Cittadini ecco come si presenta un’interrogazione… Il martedì dell’Eretico (video)

3 febbraio 2017 Commenti disabilitati

La vicenda dell’asilo Monumento mi ha fatto capire quanto poco i cittadini conoscono il sistema amministrativo, è per questo che oggi voglio spiegare l’iter che porta una INTERROGAZIONE in Consiglio Comunale.

Il Consigliere Comunale che vuole interrogare il Sindaco e la Giunta su qualsiasi argomento, dopo aver scritto il documento deve portarlo al protocollo del Comune in cui è stato eletto, l’interrogazione finisce sulla scrivania del Segretario Generale e del Presidente del Consiglio, che dopo aver ritenuto ammissibile il documento procedono ad inserirlo nell’ordine del giorno del Consiglio Comunale.

Durante la fase di “studio” del documento che deve essere ritenuto ammissibile o meno, si valutano molte cose, per esempio se può essere considerato urgente, se il documento ha dei caratteri offensivi o diffamatori (può succedere) oppure se la domanda che viene posta va a mettere in “pericolo” soggetti deboli: famiglie disagiate, bambini, malati, etc.

In questo caso il Presidente del Consiglio Comunale deve tutelare il soggetto debole e come lo fa? Convoca l’interrogante e si mette d’accordo per esempio di discutere la questione nell’apposita commissione, che è pur sempre pubblica ma per casi particolari può essere fatta a porte chiuse e i partecipanti sono tenuti al silenzio. Mi sono trovato in questa situazione quando in circoscrizione si doveva parlare di famiglie disagiate e non era il caso di parlarne in Consiglio.

Comunque se l’interrogazione non è urgente ed è ammessa, questa rimane in lista di attesa con il numero di protocollo e verrà dibattuta nel Consiglio Comunale. Possono passare molti mesi (come nel caso specifico) perchè questa arrivi in discussione, quindi l’Assessore competente, il Sindaco e la Giunta hanno tutto il tempo per poter rispondere e valutare l’Interrogazione.

Nei mesi a disposizione l’assessore competente o il Sindaco hanno tutto il tempo di parlare con le parti per dare una risposta all’interrogante.

Quindi se il documento arriva in Consiglio per il dibattito Pubblico è stata vagliata l’ammissibilità e la validità.

Se in fase di dibattito il consigliere diffama qualcuno il Presidente ha il diritto/dovere di toglierli la parola e richiamarlo all’ordine.

Quando arriva la convocazione ai Consiglieri Comunali con l’ordine del giorno sono allegati tutti i documenti che riguardano quel Consiglio, pare strano che un Consigliere Comunale o un membro della Giunta non sappia di che cosa si parla quel giorno, vuol dire che purtroppo non ha fatto il proprio dovere di eletto dal popolo.

Se fossi Consigliere Comunale ed un’interrogazione o mozione interessasse direttamente la mia sfera familiare mi premunirei di parlare con le parti e capire di che cosa si parla, così mi eviterei l’imbarazzo di procedere successivamente a comunicati stampa postumi.

Detto questo con estrema tranquillità chiedo ai cittadini, chi strumentalizza chi?

I passaggi descritti sono dettati dal regolamento e l’iter è ben chiaro come fa un Sindaco a minacciare querela per un documento che è stato ritenuto ammissibile dalla sua amministrazione? Dovrà querelare anche tutta la segreteria comunale?

PORA SIENA

Il cervello non è gratis (e un ps)

Asili: prima domandare

INTERROGAZIONE In Merito Al Nuovo Sistema Di Pagamento Telematico Dei Servizi Per L’istruzione

Siena. Sabato 11 corteo per ricordare i martiri delle foibe

Ftse Mib positivo in attesa raffica di dati macro

Robur: dichiarazione dei soci di minoranza

Furti in negozi e centri commerciali a Siena: cinque arresti dei Carabinieri

Scimmiottamenti: ce n’è uno di meno

Per chi se lo fosse perso ecco il MARTEDI’ dell’Eretico

Editoriale de Il Santo con Rassegna Stampa – L’imbarazzante gestione della questione Asilo Monumento di Don Brunetto… I video dei protagonisti della vicenda…

2 febbraio 2017 Commenti disabilitati
170201-0001

Clicca per leggere

Ci risiamo, si accusano i consiglieri comunali di opposizione di aver messo su FACEBOOK l’interrogazione riguardante l’Asilo Monumento e poi il nostro Don Brunetto in un clima così teso spara minacce sul sul profilo. Veramente imbarazzante avere un’amministrazione che invece di rispondere nelle sedi opportune preferisce i social o i giornali. Perché se l’intervento del Consigliere Corsi era diffamatorio (lo pubblico anche oggi), il Presidente del Consiglio Ronchi non lo ha richiamato? Perché il Sindaco non è intervenuto on quella sede invece di scrivere su Facebook con un quindicenne? Invece di minacciare, se ci sono gli estremi passi ai fatti.

Guardate il video, leggete il post del nostro (purtroppo) Sindaco e fatevi una domanda: “Chi strumentalizza la vicenda dell’asilo Monumento?”

Oggi nelle civette dei giornali sta scritto :”Tutti con le maestre dell’asilo!” Scriverò fino allo sfinimento che negli atti ufficiali dei due Consiglieri Comunali messi alla gogna non vi è accusa alle maestre, che sono state si offese da qualche commentatore di FACEBOOK che si prenderà le proprie responsabilità.

Due aspetti che vorrei sottolineare, al di là del fatto specifico i senesi non hanno mai avuto una simile indignazione verso chi ha distrutto questa città e il futuro dei loro figli.

Si cari senesi, quei bambini del Monumento sono stati scippati del loro futuro da parte dei protagonisti della Siena da bere ma nessuno è mai sceso in Piazza per lamentarsene. Il futuro della città come dice il Sindaco “dipende da come i bambini crescono”, purtroppo a Siena è condizionato dalle scelte scellerate del suo partito.

L’altro è l’atteggiamento di parte dell’opposizione che di fatto scarica FALORNI e CORSI, un atteggiamento di alcuni consiglieri quanto meno imbarazzante, perchè significa che non c’è coordinamento fra le opposizioni, non c’è interesse per il lavoro svolto da chi come loro contrasta l’azione della maggioranza. Un consigliere di opposizione ha anche un figlio al Monumento, possibile che non abbia letto gli atti di FALORNI e CORSI, se così fosse veramente non ci resta che dire PORA SIENA!!!

5 Stelle Siena:”Viabilità senese vicina al collasso”

Uniti per Siena: “Sosta: prima ora gratis alle Scotte”

Parcheggi gratuiti negli ospedali. Neri:”Se Scaramelli avesse appoggiato noi invece che Valentini sarebbe già cosa fatta”

Salva-banche: rimborsati solo i bond acquistati prima del 2016

Tutti gli interventi sull’Asilo Monumentale

Esclusiva Radio Siena TV/ Uisp Siena gestirà le piscine: vinto il bando. Tafani: “Un milione di euro di investimenti con project financing, lavori da subito”

Valentini: “Piano Operativo entro la primavera 2018”

Napoli: fra De Magistris, Saviano, Pasolini ed un turista di passaggio

La risposta dei Consiglieri Falorni e Corsi.

Il Video è tratti da Siena TV

Editoriale de Il Santo con rassegna stampa – Querele ai Consiglieri Comunali? Alcune domande sull’affidamento dei progetti nelle scuole…

1 febbraio 2017 11 commenti

La vicenda dell’asilo monumento sta assumenti toni drastici anche per chi voleva tenere bassi i toni. Sorprende la volontà dell’assessore Tarquini nel voler procedere con una querela nei confronti dei consiglieri comunali che hanno presentato una interrogazione specifica sull’argomento. Riascoltando il Consiglio Comunale del 30 Gennaio il Consigliere Corsi, non ha mai nominato gli insegnanti dell’asilo monumento, ha solo chiesto lumi sul presunto messaggio che era in bacheca nella scuola. Stupisce semmai il fatto che l’Assessore non abbia chiarito la vicenda in Consiglio Comunale come invece ha fatto sui giornali. Se fosse stata più chiara la vicenda sarebbe morta il giorno stesso.

Lasciando da parte il fatto specifico, se un Consigliere Comunale venisse querelato per un’interrogazione il fatto sarebbe molto grave.

Anche le domande disturbano.

In più i Consiglieri Comunali di maggioranza e opposizione hanno il diritto/dovere di poter domandare all’amministrazione ogni cosa concerna la città. Non sono i Consiglieri che devono chiedere lumi ai genitori, ai dirigenti e agli insegnanti. Questo è un compito dell’assessore delegato, che deve dialogare con questi soggetti per dirimere certe questioni.

Questo chiaramente deve essere fatto per tutte le interrogazioni, il soggetto preposto è l’assessore che è responsabile delle sue competenze. Dovere dell’assessore è riferire tutto in aula per iscritto o oralmente e magari non integrare la risposta nei giornale e sui social.

Altro discorso è la querela personale di chi sui social commenta in maniera pesante. Siamo tutti maggiorenni e chi ha scritto si prenderà le proprie responsabilità.

Il fatto che l’interrogazione sia stata discussa 8 mesi dopo i fatti è un’aggravante per l’amministrazione, che aveva tutto il tempo di chiarire la questione e se era una bufala poteva avvertire i Consiglieri che hanno presentato

Sulla vicenda dell’Asilo Monumento però qualche domanda mi sorge spontanea:

Siamo sicuri che tutti i genitori erano d’accordo con il progetto proposto?

Se la notizia del cartello (presumibilmente) posto in bacheca è arrivata ai Consiglieri c’è qualcuno che voleva spiegazioni dal Comune?

E’ vero che questi progetti sono del MIUR, ma chi controlla come vengo applicati?

Chi incarica queste associazioni e su che base vengono scelte?

Quali competenze specifiche hanno?

E’ possibile avere una lista di quelle associazioni che sono escluse dal Comune per questi progetti?

Perché a Siena c’è un’associazione che gestisce la maggior parte di questi progetti da anni e ne detiene il monopolio?

Ultima ma non meno importante domanda, quanto incassano queste associazione per la realizzazione di questi progetti?

Non mi piacciono come sapete i P.S. ma oggi ne faccio uno.

Sono estremamente stufo di passare per BIGOTTO o BACIAPILE se non sono d’accordo su certi tipi di insegnamento. Credo fermamente che ogni genitore debba scegliere personalmente il tipo di insegnamento che ritiene più giusto per i propri figli.

In una società “normale” è lecito non aderire a progetti in cui non si crede o che sono tenuti da persone esterne che non hanno la fiducia della famiglia.

Questo avviene per esempio con l’insegnamento della Religione che è facoltativa.

Badate bene, questa non è una questione di fede o religione è solo quello che tanti DEMOCRATICI professano cioè la libertà di scelta che nessun TALEBANO di una o dell’altra parte riuscirà a strapparmi…

I genitori difendono attività e maestre dell’asilo Monumento – IL DOCUMENTO

Asilo Monumento. Valentini:”Viva le libere scuole senesi. Pronti a querele”

“Il martedì dell’eretico”: Eugenio Neri, Morello Marchese ed uno strano Processo

Ultime notizie Mps. Risparmiatori azzerati dal salva-banche in audizione al Senato (oggi 1 febbraio 2017)

«Chi non vede le mafie oggi, forse, non le sta cercando o non le sta cercando nel modo giusto»

Vogliono tappare la bocca all’opposizione

Caso David Rossi, predisposto il sopralluogo nell’ex ufficio

Smart people

RIPROPONGO IL VIDEO DEL CONSIGLIO COMUNALE PERCHè ALCUNI LETTORI HANNO AVUTO PROBLEMI NELLA VISUALIZZAZIONE DI QUELLO POSTATO IERI

Editoriale de Il Santo – Bufera sull’Asilo Monumento…

31 gennaio 2017 Commenti disabilitati

Molto clamore ha suscitato l’interrogazione dei consiglieri comunali di opposizione Andrea Corsi e Marco Falorni, su un progetto realizzato alla scuola materna dell’asilo Monumento. Chiaramente il web è diventato una bolgia e i commenti al post sulla pagina di Falorni hanno scatenato i pro e i contro verso questa iniziativa.

L’argomento è delicato. Quindi vi consiglio guardare il video tratto dal Consiglio Comunale del 30 Gennaio 2017.

Alla domanda specifica del Consigliere Corsi l’assessore Tarquini  (mi rifiuto di chiamarla ASSESSORA) non risponde, quindi lascia intendere che quello che ha descritto il Consigliere Corsi sia vero.

Il fatto è che su FACEBOOK le mamme dicono che non è andata come è stato descritto e che non c’è stato niente di male, chiaramente gli crediamo, allora sorge un problema, perchè l’assessore non ha smentito categoricamente la descrizione del Consigliere Corsi, perchè arrampicarsi sugli specchi? Ha parlato con i genitori e gli insegnanti?

Se i genitori erano consapevoli del progetto e di quello di cui si trattava bastava dirlo e non sarebbe successo niente, invece da una legittima interrogazione è venuto fuori un putiferio non indifferente, che probabilmente ha messo in imbarazzo molti.

Devo dire che certi progetti non mi piacciono, anche perchè il MIUR non controlla come vengono applicati, non c’è comunicazione con gli utenti, ci sono delle assegnazioni strane ad associazioni che guarda caso sono sempre le stesse.

Magari un’interrogazione su queste associazioni non ci starebbe male.

Il problema a mio avviso è la comunicazione. Questa amministrazione pur usando molto FACEBOOK e gli altri social riesce a comunicare poco con gli utenti ci vuol poco a smentire una cosa se è una bufala… PORA SIENA

Questo il testo del POST di FALORNI:

INTERROGAZIONE SULL’ASILO MONUMENTO. Andrea Corsi ha illustrato una interrogazione, firmata anche da me, in merito ad un fatto accaduto all’asilo Monumento. Qui infatti era stato affisso in bacheca un avviso riportante lo svolgimento di una iniziativa del seguente tenore: “Ci siamo seduti senza vestiti su un grande telo di plastica ed abbiamo cominciato a toccare la schiuma da barba prima con le mani, cercando di riprodurre i movimenti del fuoco. a poco a poco il nostro corpo era ricoperto di schiuma: pestata, accarezzata, disegnata… Abbiamo scelto un compagno e, a turno, ad occhi chiusi, abbiamo sperimentato spalmando la schiuma sul suo corpo, la gentilezza, la delicatezza ed il piacere della conoscenza reciproca”. L’assessore Tiziana Tarquini, nella sua risposta, ha confermato il fatto, ed ha invocato la libertà di insegnamento. Il consigliere Corsi, in sede di replica, si è dichiarato insoddisfatto. Senza ulteriori commenti.

IL VIDEO DEL CONSIGLIO COMUNALE

Editoriale de Il Santo con Rassegna Stampa – Don Brunetto il Grande… Le associazioni in vista delle elezioni… il degrado alla ex Cecco Angiolieri…

30 gennaio 2017 Commenti disabilitati

Mentre mi apprestavo a scrivere l’editoriale ecco quello che scrive Don Brunetto sul suo profilo FACEBOOK, la domanda che mi pongo è sempre la stessa: “Ma che vengono pagate a fare le agenzie di stampa dal Comune di Siena?”

Oggi giorno importante per Siena. Proprio mentre il Consiglio Comunale si appresta ad approvare il migliore bilancio previsionale degli ultimi anni, sta partendo una lettera ai dipendenti comunali. È la revoca della “messa in mora” ovvero il ritiro formale e definitivo della procedura di rimborso imposta dalla Corte dei Conti relativamente ad una parte del salario variabile legato alla produttività. Questo atto si inserisce nello sviluppo positivo delle relazioni sindacali interne al Comune, che ha prodotto la stabilizzazione dei precari (mai fatta prima), il ritorno delle assunzioni in settori strategici (quale la scuola), gli accordi sugli incentivi per la produttività ed il ritorno delle progressioni orizzontali (che nella maggior parte degli Enti Locali è ancora mancante). Il Comune si regge sul coinvolgimento e la valorizzazione della professionalità dei lavoratori. Avanti così.

Quindi cari signori tutto benissimo tutto va bene, infatti la Signora Mara (quella con quel bel culo) non scrive più perchè almeno a Lei è andata bene. Ma ai senesi sta andando bene?

Lo vedremo tra un annetto, quando andremo alle elezioni. Intanto siamo già in piena campagna elettorale, nascono liste civiche ed associazioni tutte votate contro il groviglio. Mi ha scritto un comunicato “UNITI PER SIENA”, di cui francamente so non nulla, non è firmato da nessuno e non lo pubblico, perchè vorrei sapere chi è il Presidente, il segretario e via discorrendo. Mi pare che a Siena si stiamo percorrendo vecchi sentieri, che in passato hanno portato a grandi disastri.

Cambiando argomento, vi invito a guardare il breve video che pubblico sotto la rassegna stampa, si tratta dell’ingresso della vecchia Ecco Angiolieri, ha ragione Don Brunetto Avanti Così!!! PORA SIENA

Servono ancora le università, se si studia per avere i crediti formativi e non per la conoscenza?

Finalmente quest’anno il Comune, oltre che “Memoria”, avrà anche “Ricordo”

La curiosità: Fondazione MPS e Oscar Farinetti

Inventane un’altra (e un ps)

L’affaire Morello-Centini si complica (e 10 Ps di ogni genere)

Monte dei Paschi di Siena/ Ultime notizie Mps. Il 75% degli Npl fa capo a piccole e medie imprese

Il PD di cencio contro quello di straccio, la nuova (vecchia) mossa degli “alisti” toscani e il laboratorio senese

Robur, Scazzola: “Capisco il disappunto dei tifosi, possiamo solo lavorare”

La grande fuga equina

Lupa Roma – ROBUR SIENA 2-0. Le Emmavillarelle